Una 15enne: “Lo zio mi ha molestata per sette anni”. Via all’inchiesta

Sarà ascoltata il 17 aprile, in sede di incidente probatorio, la ragazzina che sarebbe stata oggetto delle attenzioni “morbose” di un familiare da quando aveva otto anni

LECCE - Molestata per sette anni dallo zio, da quando di anni ne aveva otto. E ha taciuto per tutto questo tempo sugli abusi, fino a quando non ha trovato il coraggio di ribellarsi, confidandosi con i genitori. E’ questo il nuovo caso di violenza sessuale tra le mura domestiche finito al vaglio della Procura di Lecce che, in seguito alla denuncia sporta dai familiari della piccola (attraverso l’avvocato Massimo Bellini), ha aperto un’inchiesta nei riguardi dell’uomo, un salentino di 43 anni.

La presunta vittima oggi 15enne sarà ascoltata in sede di incidente probatorio, così come richiesto dal pubblico ministero  Stefania Mininni, titolare del fascicolo, proprio su quegli episodi avvenuti, secondo l’accusa, dal 2011 al 2018. Lo farà il 17 aprile prossimo presso il tribunale per i minorenni davanti al gip Cinzia Vergine e alla psicologa Anna Scrimieri, incaricata di svolgere una successiva perizia sull’attendibilità delle dichiarazioni che saranno “cristallizzate” e usate come prova in un eventuale processo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’indagato è difeso dall’avvocato Emanuele Giuseppe Leo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una 26enne finisce contro un muretto e muore: secondo dramma in quattro giorni

  • In Puglia 124 nuovi contagiati. Due decessi, uno in provincia di Lecce

  • Medico rientra dal turno e perde il controllo dell’auto: finisce nel canale

  • Nel Salento 54 casi nei due ultimi giorni. Nessuno attribuito capoluogo

  • “Il mostro è arrivato dentro casa”: La Fontanella, sono 31 i contagiati

  • In moto a folle velocità sfugge a tre volanti. “Ero andato a Otranto per un caffè”

Torna su
LeccePrima è in caricamento