Col volto travisato, avvicinano un bimbo: la madre li vede e urla, poi la fuga

L'episodio risale alla mezzanotte di sabato, in uno stabilimento di Frigole. Il piccolo, di sette anni, era con la sua bici e avrebbe ricevuto la promessa di un regalo

FRIGOLE (Lecce) - Due uomini incappucciati si sono avvicinati a un bambino di sette anni, mentre giocava con la bici e avrebbero tentato di portarlo via. Ma la coppia non si è accorta della presenza della madre che a distanza controllava il figlio e che ha dato l'allarme.

L'episodio si è verificato ieri, intorno a mezzanotte, in un noto stabilimento della marina di Frigole. Sul posto sono intevenuti gli agenti della Questura di Lecce che hanno ascoltato i genitori del bambino e ai quali ora è affidato il compito di risalire ai malviventi. Questi, stando al racconto di alcuni testimoni, si sarebbero avvicinati al piccolo mentre stava giocando con la bicicletta davanti a casa e, attraverso la promessa di un regalo, l'avrebbero convinto ad allontanarsi con loro, mano nella mano. Stando sempre ad alcune testimonanze, il rapimento non sarebbe riuscito solo grazie all'intervento del genitore che avrebbe urlato: "Vi ho riconosciuti". 

L'episodio ha generato preoccupazione tra i villeggianti di un posto che non conosce precedenti simili e scelto da molte famiglie proprio perché si presenta come un luogo tranquillo e sicuro. Individuare responsabili non sarà semplice, perché la struttura non è attrezzata di telecamere di video sorveglianza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica scoperta: trovato morto in casa, la moglie era costretta a letto per una malattia

  • Le mani della Scu sul gioco d’azzardo: arresti e sequestro da 7 milioni di euro

  • Anziani maltrattati in una casa di riposo, scattano 11 denunce

  • In moto da cross si scontra su un'auto, un 14enne in codice rosso

  • Vino adulterato: dopo i sigilli in estate, maxi sequestro probatorio

  • Si fingeva chef stellato per molestare universitarie: preso 23enne

Torna su
LeccePrima è in caricamento