Effetto recessione sul Salento: imprese faticano e lavoratori in sofferenza

Secondo le elaborazioni dell'Osservatorio di Confartigianato sulla base dei dati di Banca Italia il credito perde 262,7 milioni in un anno: in provincia imprese a rischio, disoccupazione alle stelle, ricorso alla integrazione

@TM News/Infophoto.

LECCE - Il credit crunch «taglia» i prestiti. In provincia di Lecce continuano a diminuire i finanziamenti alle imprese e il Salento subisce gli effetti di una recessione dalla quale si fatica ad uscire. Imprese a rischio fallimento, sofferenze in costante crescita, continuo ricorso alla cassa integrazione e disoccupazione alle stelle.

Sul fronte del credito, in un solo anno, i prestiti sono crollati di ben 262,7 milioni di euro. Pari ad un tasso negativo del 6,7 per cento. A settembre 2012 ammontavano a tre miliardi e 920 milioni, mentre un anno dopo si sono fermati a tre miliardi e 657 milioni. A rilevarlo è l’Osservatorio economico di Confartigianato Imprese Lecce, che ha analizzato gli ultimi dati della Banca d’Italia per monitorare l’andamento degli impieghi.

Nel complesso, le nuove operazioni approvate dalle banche non sono sufficienti a «compensare» i prestiti in scadenza. Il risultato è una costante erosione dello stock dei finanziamenti al sistema produttivo. Guardando ai singoli settori, il comparto dei servizi è quello più penalizzato: meno 164 milioni, pari ad un tasso negativo dell’8,1 per cento (da due miliardi 36 milioni ad un miliardo 872 milioni).

La stessa percentuale ha colpito duramente anche le costruzioni. In termini assoluti si registra una contrazione di 68 milioni (da 839 milioni a 771). Calano pure i finanziamenti al manifatturiero: meno 16 milioni, pari al due per cento in meno (da 848 milioni a 831). Si tratta, è bene precisarlo, di prestiti cosiddetti "vivi", cioè finanziamenti al netto delle sofferenze e delle operazioni di pronto contro termine.

"Queste elaborazioni – spiega Amedeo Giuri, direttore di Confartigianato Imprese Lecce – dimostrano che persistono ancora grosse difficoltà nell’accesso al credito, soprattutto da parte delle micro, piccole e medie imprese". Tant’è che, nel Salento, la "fetta" più cospicua dei finanziamenti (due miliardi e 711 milioni) è andata alle imprese con più di venti addetti, mentre meno della metà (un miliardo e 156 milioni) a quelle di minori dimensioni.

Il tasso di riferimento, in vigore a settembre, per il credito agevolato (industria, commercio, artigianato, editoria) era salito al 3,56 per cento (contro il 3,46 dell’anno precedente). Neppure la discesa dello spread italiano e il taglio al costo del denaro operato dalla Banca centrale europea (Bce) ha garantito gli attesi benefici al sistema produttivo. Le aziende, infatti, continuano a pagare alti interessi pur di dar corso a nuove linee di credito.

I motivi vanno ricercati, soprattutto, nell’impennata delle sofferenze bancarie, che, in provincia di Lecce, corrispondono quasi al 9 per cento del totale degli impieghi erogati alla clientela salentina (otto miliardi e mezzo di euro). Una situazione che preoccupa il sistema non solo per i maggiori rischi di perdita, ma anche per la progressiva restrizione dei margini che generano reddito, cioè gli impieghi "vivi".

Luigi Derniolo nuovo presidente di Confartigianato imprese

Luigi DernioloLUIGI DERNIOLO-2, 48 anni, di Galatina, è il nuovo presidente di Confartigianato Imprese Lecce. È stato eletto nel corso dell’assemblea provinciale, convocata l’altro ieri per il rinnovo delle cariche sociali. Derniolo subentra a Carlo Bentivenga, che dal 15 luglio scorso traghetta l’Associazione degli artigiani, dopo le dimissioni del presidente Corrado Brigante, per aver assunto la carica di presidente nazionale del Centro autorizzato di assistenza fiscale (Caaf) di Confartigianato Imprese.

Derniolo è presidente dell’Associazione pasticceri salentini da più di dieci anni. Inoltre, nei giorni scorsi, è stato eletto presidente della sede zonale di Galatina di Confartigianato e dal 29 aprile scorso è anche consigliere della Cooperativa di garanzia «L’Artigiana».

"Intendo puntare molto sull’aggregazione delle nostre aziende e sulla coesione fra gli associati – dice Derniolo – Questa volontà può rappresentare, senza dubbio, un’arma vincente per affrontare, al meglio, la recessione e farci superare questo difficile momento congiunturale".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, estorsioni e droga: disarticolato gruppo vicino al clan Tornese

  • Rogo nel negozio per le feste: in manette ex gestore del "Twin Towers"

  • Cicloturista preso in pieno da un'auto: deceduto dopo il trasporto in ospedale

  • Cede il cric durante il cambio della ruota del tir: ferito un meccanico

  • Paura in volo: piccolo aereo sfonda il muretto di un'abitazione

  • Fermati in centro per controllo: dosi di eroina nell'auto, due in manette

Torna su
LeccePrima è in caricamento