Imprese, primo trimestre dell'anno in passivo

Bilancio negativo quello registrato dalla Camera di commercio nel periodo gennaio-marzo 2007, con un tasso di sviluppo pari a -0,53 per cento. "In linea con il dato nazionale"

Il bilancio non sembra essere dei migliori, i dati sulla natalità e mortalità delle imprese nella provincia di Lecce, nel trimestre gennaio-marzo 2007, mettono in evidenza un saldo negativo di 404 unità e un tasso di sviluppo pari a -0,53 per cento. "Ma il risultato non deve allarmare - spiega la Camera di commercio di Lecce - per un duplice ordine di motivi: uno "fisiologico", nel senso che nel primo trimestre dell'anno è normale ci sia un maggior numero di cancellazioni, in quanto molte imprese che hanno cessato l'attività a fine anno vengono "registrate" nel primo trimestre 2007 (l'azienda deve presentare istanza di cancellazione entro trenta giorni dalla cessazione dell'attività. A ciò si aggiunga il fatto che nel corso dei primi tre mesi dell'anno sono state effettuate 192 cancellazioni sulla base di un decreto del Giudice del registro. Si tratta sostanzialmente di imprese fallite per le quali formalmente non era stata chiesta la cancellazione, disposta ora dal giudice".

"E' necessario evidenziare, inoltre, che il tasso di crescita della provincia di Lecce è in linea con il dato nazionale anch'esso negativo (-0,23 per cento) - prosegue la Camera di commercio - e con quello della regione Puglia (-0,36 per cento). Tassi di sviluppo negativi si sono registrati nella quasi totalità delle regioni e delle province. Basti pensare che su 103 province, solo 20 hanno registrato saldi positivi, e analogamente, considerando le Regioni, solo due hanno chiuso il trimestre con segno positivo. Per la provincia di Lecce l'ultimo saldo negativo (-161 imprese) risale al primo trimestre 2003".

Dunque, le imprese registrate al 31 marzo 2007 sono 75.132, quelle attive 63.760; nell'arco dei primi tre mesi dell'anno si sono iscritte nel registro delle imprese della Camera di commercio 1.925 nuove aziende e se ne sono cancellate 2.329. Per quanto riguarda i settori, il maggior numero di cancellazioni si è verificato nel comparto agricoltura, che chiude il trimestre con un saldo di -464 aziende, scaturito da 78 iscrizioni e 542 cancellazioni, e un tasso di sviluppo negativo del 3,70 per cento. Segue il macro settore del commercio, con 448 imprese iscritte e 729 cancellate e un saldo di -281 (-1,17 per cento); il manifatturiero con 139 imprese iscritte e 284 imprese cancellate e un saldo -145 imprese (1,52 per cento). In quest'ultimo settore le maggiori perdite si sono realizzate nel campo tessile e abbigliamento rispettivamente con - 27 e -31 aziende, nel comparto del legno e dei mobili, con - 23 e -16 unità e nel settore della fabbricazione e lavorazione dei metalli -22 imprese. Il saldo delle imprese non classificate è di 569: si tratta di società che non hanno ancora dichiarato l'inizio attività per cui non sono state ancora codificate.

Per quanto riguarda le imprese artigiane, al 31 marzo 2007 risultano 19.368, con un "peso" sul totale imprese del 25,8 per cento. Anche nel comparto artigiano il tasso di sviluppo nel 1° trimestre è stato negativo (-0,27 per cento), in linea con il dato medio nazionale pari a -0,23 per cento e pugliese -0,36 per cento. Nei primi mesi dell'anno si sono registrate nell' apposita sezione artigiana del registro imprese 622 aziende, 675 sono quelle che si sono cancellate, il saldo è stato pari a -53 imprese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pioggia e violente raffiche di vento mettono mezzo Salento in ginocchio

  • Allerta arancione per maltempo anche nel Salento. Scuole chiuse in diversi comuni

  • Rapinatori irrompono in casa, un figlio reagisce: martellata sulla testa

  • Burrasca agita lo Ionio e devasta barche, pontili, maneggio e persino un ristorante

  • "Scuole aperte nonostante l'allerta meteo": Cgil denuncia rischi per alunni e lavoratori

  • Furto di energia, truffa e fuoco agli scarti di potatura: arresto e 14 denunce

Torna su
LeccePrima è in caricamento