Il tessuto imprenditoriale salentino “tiene” grazie alle imprese under 35

Il desiderio di "fare impresa", nonostante il momento non sia dei migliori, non scoraggia i giovani salentini: determinante il loro contributo alla struttura imprenditoriale del territorio nei primi nove mesi dell'anno

@TM News/Infophoto

LECCE - Il desiderio di “fare impresa, nonostante il momento non sia dei migliori, non scoraggia i giovani  salentini a mettersi in proprio: il contributo degli “under 35”  alla struttura imprenditoriale del territorio nei primi nove mesi dell’anno è stato determinante, in quanto su 4.236 imprese iscrittesi tra gennaio e settembre 1.570 sono imprese giovanili, ossia quelle il cui titolare abbia meno di 35 anni, ovvero le società di persone in cui oltre il 50% dei soci abbia meno di 35 anni, oppure le società di capitali in cui la media dell’età dei soci e degli amministratori sia inferiore allo stesso limite di età (banca dati stockview Infocamere- elaborazioni Ufficio Statistica e Studi).

Pur rappresentando  il 14,2%  del totale delle imprese salentine, le imprese guidate da giovani con meno di 35 anni hanno contribuito per il 37% sul totale delle iscrizioni verificatesi tra gennaio e settembre. La maggiore incidenza di imprese giovanili si trova al Sud, come dimostra la graduatoria provinciale che vede nei primi 19 posti province meridionali, tra cui Lecce collocata all’11° posto.

L’apporto delle imprese giovanili è stato fondamentale in questi mesi per consentire alla struttura imprenditoriale salentina di contenere al minimo il passivo  del bilancio tra aperture e chiusure di imprese, nonostante il saldo positivo del secondo (+479) e del terzo trimestre (+151),  il risultato  dei primi nove mesi dell’anno è stato fortemente influenzato dal risultato del primo semestre (-723) che ha portato a – 93 il saldo complessivo . Per quanto riguarda, invece, i saldi delle imprese giovanili questi sono stati per tutti e tre i trimestri positivi, raggiungendo complessivamente la quota di + 745, per cui l’apporto degli under 35 alla crescita del sistema imprenditoriale salentino è stato determinante.

Circa il 78% delle imprese giovanili iscrittesi nei primi nove mesi dell’anno ha scelto la più semplice (e anche la più debole) forma di impresa individuale; il 12% ha scelto, invece, la forma della società di capitali più idonea a supportare progetti imprenditoriali di più ampio respiro.

È il commercio il settore che ha attratto 429 nuove aziende pari al  27% delle iscrizioni del periodo considerato, segue l’edilizia che ha raccolto oltre il 10%  delle nuove imprese gestite da giovani (160 imprese) e il comparto della ristorazione e alberghiero che ha attratto il 7%  (112 imprese) delle imprese giovanili.  I tre settori complessivamente considerati hanno attratto circa il 45% delle imprese under 35 nate nella provincia di Lecce nell’arco dei primi nove mesi dell’anno.

151 imprese in più tra luglio e settembre è il bilancio estivo della natimortalità imprenditoriale salentina. Il dato scaturisce da 1.059 iscrizioni e da 908 cancellate, realizzando un tasso di crescita pari a + 0,21%, tra i più bassi degli ultimi dieci anni. Lo stock delle imprese registrate al 30 settembre è di 72.448 in leggera flessione (-0,09%) rispetto al trimestre precedente,  mentre  le localizzazioni sono 84.274. Si sottolinea che il tasso di crescita sia positivo (+0,21%) nonostante lo stock sia leggermente diminuito, poiché il primo considera esclusivamente  le cessazioni dovute a motivi economici, escludendo le cosiddette cancellazioni d’ufficio, cioè quelle cessazioni previste dalla vigente normativa  finalizzate a “pulire” il registro delle imprese da tutte  quelle  aziende che di fatto hanno cessato l’ attività economica.

Al saldo della provincia contribuiscono in valore assoluto i Comuni più grandi, a più alta concentrazione di imprese, in primis Lecce (-90), Copertino e Gallipoli (+14) e Ruffano (+12), viceversa i comuni  che, purtroppo,  hanno contribuito negativamente al saldo sono stati Leverano (-13), Guagnano e Salve (-8).

Analizzando il tasso di crescita, invece, i Comuni che nel trimestre considerato hanno dimostrato una maggiore “vivacità imprenditoriale” sono stati Nociglia e Patù rispettivamente con un tasso di crescita pari a +2,76% e +2,14%.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, estorsioni e droga: disarticolato gruppo vicino al clan Tornese

  • Rogo nel negozio per le feste: in manette ex gestore del "Twin Towers"

  • Cicloturista preso in pieno da un'auto: deceduto dopo il trasporto in ospedale

  • Cede il cric durante il cambio della ruota del tir: ferito un meccanico

  • Paura in volo: piccolo aereo sfonda il muretto di un'abitazione

  • Fermati in centro per controllo: dosi di eroina nell'auto, due in manette

Torna su
LeccePrima è in caricamento