La grande distribuzione prende piede nel Salento: 124 esercizi in più rispetto al 2010

In totale si contano 402 punti vendita in tutta la Provincia. Stasi, Osservatorio economico: "Un balzo in avanti che, però, mette in crisi i piccoli negozi al dettaglio"

Foto di repertorio

LECCE – Aumentano, a dismisura, i punti vendita della grande distribuzione nel Salento.

Oggi si contano, infatti, 402 esercizi in tutta la provincia: 184 supermercati, 174 minimarket, 40 grandi magazzini e 4 ipermercati. Una notizia che ha un risvolto negativo per quei negozi di vicinato e per quei punti vendita molto piccoli che si trovano ad essere schiacciati dalla concorrenza.

Questo è quanto emerge dell'indagine condotta dall’Osservatorio economico, diretto da Davide Stasi.

"Nell’arco temporale preso in esame – spiega Stasi – vengono rilevati chiari segnali di espansione di tutte le forme della grande distribuzione organizzata sia in termini di incremento numerico degli esercizi, sia dal punto di vista della crescita occupazionale, sia sotto il profilo dell’ampliamento della superficie complessiva di vendita”.

Lo studio suddivide le diverse tipologie, calcolandone anche la superficie di vendita e il numero degli addetti, oltre alla variazione nel tempo.

Rispetto al 2010 ci sono 43 supermercati in più, per un incremento del 30,5 per cento; 40 nuovi minimarket, per una variazione positiva del 29,9 per cento; 40 grandi magazzini e un ipermercato in più.

Il totale è di 124 esercizi in più rispetto ai 278 del 2010.

Nella città di Lecce hanno sede 22 supermercati che si estendono su una superficie di oltre 19 mila metri quadri, mentre gli altri 162 supermercati si trovano negli altri comuni della provincia ed occupano complessivamente quasi 126 mila metri quadri. Nel capoluogo di provincia sono stati aperti 14 minimarket, sette grandi magazzini e tre ipermercati.

“Va detto – prosegue Stasi – che, negli ultimi anni, i tassi di crescita dei nuovi punti della grande distribuzione sono leggermente inferiori rispetto al biennio 2014-2015 e non si registrano grandi e particolari mutamenti in termini di composizione del settore, pur confermandosi la tendenza espansiva del settore che dà lavoro a 4 mila addetti, ripartiti tra le varie forme distributive in modo tendenzialmente corrispondente al peso del numero degli esercizi”.

“L’incremento dei centri commerciali, con l’ampliamento delle superfici complessive della grande distribuzione, dovrà fare i conti, però, con i trend della società, in considerazione del calo della popolazione – aggiunge lui –. Se da un lato, la perdita del potere d’acquisto spinge le famiglie a prediligere i grandi centri commerciali e soprattutto i discount, dove i prodotti sugli scaffali sono venduti a prezzi bassi e convenienti, dall’altro lato, però, si dovrà prendere in considerazione anche la minore capacità di consumo dei salentini che diminuirà progressivamente in relazione ai cali demografici”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica scoperta: trovato morto in casa, la moglie era costretta a letto per una malattia

  • Sfida a 200 all'ora: banda di ladri inseguita per oltre 70 chilometri

  • Anziani maltrattati in una casa di riposo, scattano 11 denunce

  • In moto da cross si scontra su un'auto, un 14enne in codice rosso

  • Vino adulterato: dopo i sigilli in estate, maxi sequestro probatorio

  • Violento scontro fra auto: un uomo d’urgenza in ospedale con un trauma alla schiena

Torna su
LeccePrima è in caricamento