Licenziati i letturisti dei contatori dell'acqua: il dramma di 15 famiglie salentine

Mandati a casa da Fimm, che gestisce in appalto il servizio, 45 lavoratori in tutto. Filctem Cgil chiede di internalizzare il servizio per risparmiare 2 milioni di euro. Il 5 aprile sit-in a Bari

In foto: i letturisti in un recente incontro con Emiliano

LECCE - Alla fine sono stati licenziati. Gli addetti alla lettura dei contatori dell’acqua, 45 di cui 15 salentini, torneranno a casa tra due giorni. Il 5 aprile, infatti, cesserà il rapporto di lavoro con l’azienda Fimm che gestiva il servizio per conto di Acquedotto Pugliese.

Nel mese di marzo, Aqp aveva revocato l’appalto all’azienda. Secondo il sindacato Filctem Cgil Lecce, però, “ai letturisti non era ancora pervenuta alcuna indicazione, nonostante i continui solleciti”.

I lavoratori, per vederci chiaro e discutere del problema con i vertici aziendali, hanno quindi deciso di manifestare sotto la sede di Acquedotto Pugliese a Bari, venerdì mattina.

Franco Giancane, segretario provinciale Filctem, sostiene che l’obiettivo della protesta è innanzitutto quello di conoscere il futuro lavorativo di queste persone ormai licenziate.

D’altra parte, però, il sindacato intende conoscere le intenzioni di Aqp e della Regione Puglia (socio unico) in merito al servizio. Filctem, lo ricordiamo, aveva già chiesto al governatore Emiliano di prendere in considerazione l’ipotesi dell’internalizzazione che consentirebbe un risparmio stimato di circa 2 milioni di euro.

“Per noi questa resta la via maestra per risolvere la vertenza. Speriamo in una moral suasion da parte della Regione su Aqp – ha commentato Giancane- . L’azienda da parte sua, in un incontro dello scorso 1° aprile, ci ha comunicato che prenderà in considerazione la proposta, ma non sono ancora arrivate notizie in merito. Resta invece l’ansia di 45 famiglie, ormai sull’orlo del baratro”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Quante belle foto. Si avvicinano le elezioni regionali.

  • Dico di più, da noi Il presidente Emiliano non si è nemmeno presentato.

  • “Franco Giancane, segretario provinciale Filctem, sostiene che l’obiettivo della protesta è innanzitutto quello di conoscere il futuro lavorativo di queste persone ormai licenziate.” La risposta è semplice, l’assegno di disoccupazione per 24 mesi così come per tanti lavoratori licenziati, compreso me.

  • Ma dico ma è tanto difficile? SONO ANNI che si sa che il lavoro di letturista andrà a scomparire per causa anche di nuovi contatori etc.etc. ma non si poteva programmare una GRADUALE internalizzazione, riformando i lavoratori destinandoli ad altra mansione in modo da risparmiare sulle nuove assunzioni? MA TANTO CI VUOLE a usare un filo di cervello? Ma che gente è questa.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    “Favori&Giustizia”, arriva il “sì” del pm al patteggiamento del neurologo Trianni

  • Politica

    "Che ne sarà dei lavoratori del Mercatone Uno?": sciopero e protesta in prefettura

  • Galatina

    Camionista reagisce alla rapina: disarmato e ferito al capo. Fermati in tre

  • Cronaca

    Intercettazioni su Marti, la Giunta della Camera dei deputati si tira fuori

I più letti della settimana

  • Finisce con la Porsche nei campi: muore durante il ricovero giovane imprenditore

  • Accerchiata la masseria dello spaccio. E in una grotta, droga a volontà e un'arma

  • Troppo gravi le ferite, muore in ospedale 25enne ferito in un incidente stradale

  • Attendono il direttore, arrivano i carabinieri: banda colta sul fatto

  • Cocaina, materiale esplosivo e arma in cassaforte: arresti e denunce

  • Orrore in casa. “Abusava di qualunque familiare gli capitasse sotto tiro”

Torna su
LeccePrima è in caricamento