Mercatone Uno, non ci fu bancarotta. Amarezza per i 123 dipendenti salentini

Il Tribunale di Bologna ha assolto, perché il fatto non sussiste, gli imputati dall'accusa di aver distratto fondi per 300 milioni di euro. Per i lavoratori cassa integrazione fino a maggio

Un gruppo di dipendenti della sede di San Cesario.

LECCE - Il Tribunale di Bologna ha assolto, perché il fatto non sussiste, i sei imputati di bancarotta fraudolenta per distrazione per il fallimento di Mercatone Uno. L'azienda aveva in provincia di Lecce 123 dipendenti e tre punti vendita, a Surano, a Matino, a San Cesario di Lecce. I lavoratori saranno in cassa integrazione fino a maggio. 

E se il pronunciamento giudiziario è stato accolto con gran sollievo da coloro che erano finiti sotto la lente di ingrandimento della finanza con l'accusa di aver sottratto alle casse della società circa 300 milioni di euro dal 2005 al 2013, non lo stesso si può dire per i lavoratori, circa mille e 800 in tutta Italia. Tra questi Silvia Miglietta, assessora alle Politiche Sociali e Abitative del Comune di Lecce.

Pieno di amarezza il suo commento affidato al profilo su facebook: "Commuovono gli abbracci degli imputati assolti con i loro bravi avvocati, raccontati dai comunicati stampa. La rabbia invece di chi è rimasto in mezzo ad una strada, di chi ha perso i propri soldi, di chi ha visto fallire la propria azienda per i crediti inevasi non fa nemmeno rumore. In questo piegato e ingiusto Paese dove a pagare sono sempre i più deboli e indifesi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il futuro dei dipendenti continua a delinerarsi a tinte fosche: al crac del Mercatone Uno ha fatto seguito, a stretto giro di posta, quello della Shernon Holding Srl che ne aveva acquistato il marchio lasciando intravedere, per un attimo, speranze di rilancio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato senza vita il corpo del sub: si era immerso per una battuta di pesca

  • Con una molletta da bucato si "liberava" della droga: scoperto e arrestato

  • Giovane leccese aggredisce a pugni e manda in ospedale militare barese

  • Non solo Covid, pronto soccorso preso d’assalto. Medici e infermieri stremati

  • In primavera tornano le formiche: come combattere l'invasione in casa

  • Orrore in casa: tenta di dare fuoco alla moglie con liquido infiammabile

Torna su
LeccePrima è in caricamento