Mercatone Uno, non ci fu bancarotta. Amarezza per i 123 dipendenti salentini

Il Tribunale di Bologna ha assolto, perché il fatto non sussiste, gli imputati dall'accusa di aver distratto fondi per 300 milioni di euro. Per i lavoratori cassa integrazione fino a maggio

Un gruppo di dipendenti della sede di San Cesario.

LECCE - Il Tribunale di Bologna ha assolto, perché il fatto non sussiste, i sei imputati di bancarotta fraudolenta per distrazione per il fallimento di Mercatone Uno. L'azienda aveva in provincia di Lecce 123 dipendenti e tre punti vendita, a Surano, a Matino, a San Cesario di Lecce. I lavoratori saranno in cassa integrazione fino a maggio. 

E se il pronunciamento giudiziario è stato accolto con gran sollievo da coloro che erano finiti sotto la lente di ingrandimento della finanza con l'accusa di aver sottratto alle casse della società circa 300 milioni di euro dal 2005 al 2013, non lo stesso si può dire per i lavoratori, circa mille e 800 in tutta Italia. Tra questi Silvia Miglietta, assessora alle Politiche Sociali e Abitative del Comune di Lecce.

Pieno di amarezza il suo commento affidato al profilo su facebook: "Commuovono gli abbracci degli imputati assolti con i loro bravi avvocati, raccontati dai comunicati stampa. La rabbia invece di chi è rimasto in mezzo ad una strada, di chi ha perso i propri soldi, di chi ha visto fallire la propria azienda per i crediti inevasi non fa nemmeno rumore. In questo piegato e ingiusto Paese dove a pagare sono sempre i più deboli e indifesi".

Il futuro dei dipendenti continua a delinerarsi a tinte fosche: al crac del Mercatone Uno ha fatto seguito, a stretto giro di posta, quello della Shernon Holding Srl che ne aveva acquistato il marchio lasciando intravedere, per un attimo, speranze di rilancio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cocaina e sostanza da taglio disseminate in casa, insospettabile nei guai

  • Fuoristrada sospetto: nel doppiofondo della barca mezza tonnellata di droga dall’Albania

  • Rapina un uomo per una collana, ma a 100 metri ci sono i carabinieri: presa

  • Psicosi da Covid-19: falso allarme, ma treno bloccato in stazione a Lecce

  • Vende l’auto a una donna, poi pretende altri soldi: militari gli tendono un tranello

  • Dopo il tamponamento continua la marcia verso casa senza una ruota

Torna su
LeccePrima è in caricamento