Posti di lavoro a rischio in Transcom. Sindacati all'opera per evitare il peggio

Il noto call center ha perso una commessa importante e gli operatori temono il licenziamento. Le sigle sindacali al lavoro per mantenere i livelli occupazionali

Repertorio.

LECCE - Oltre un centinaio di posti di lavoro potrebbero andare in fumo nel call center "Transcom". L'azienda di telecomunicazioni, tra le più importanti della provincia di Lecce e sita nella zona industriale del capoluogo, attualmente conta 450 dipendenti e lavora con importanti commesse. In particolare propone servizi di supporto a clienti che operano in diversi settori: dalla finanza al commercio; dalle imprese on-line alle agenzie di viaggio fino alla pubblica amministrazione ed al settore dell'intrattenimento.

Che accade dunque? Il colosso ha perso un'importante cliente, Genial Lloyd, che non ha rinnovato il mandato affidandolo ad una società concorrente sul territorio. Suo malgrado ora Transcom rischia di dover mandare a casa gli operatori impiegati su quella commessa, 108 in totale e tutti a tempo indeterminato, con contratti di tipo part-time ed, in percentuale minore, full-time. Persone che ora temono di dover perdere  quella che, in alcuni casi, rappresenta l'unica fonte di sostentamento per le proprie famiglie. 

Un vero disastro per il Salento messo in scacco dalla crisi economica; un'eventualità che i sindacati stanno cercando di scongiurare in ogni modo. Tutte le sigle del settore Tlc, quindi Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, sono all'opera per salvaguardare i posti di lavoro comunque garantiti fino al 28 febbraio. Non vi è un preannuncio di licenziamento, solo un timore fondato tra i dipendenti che chiedono di applicare tutte le condizioni di garanzia previste dalla legge.

Tra queste figura anche l'ipotesi di applicazione della clausola di salvaguardia sociale atta a garantire il passaggio del personale sul cambio di ditta all'interno della medesima commessa. Un'ipotesi tutta da valutare, al pari di altre strade che i sindacalisti stanno battendo per evitare il peggio.

Del resto il comparto delle telecomunicazioni, nel suo complesso, non pare godere di ottima salute e si avvia allo sciopero generale nazionale proclamato per il 1° febbraio. Parallelamente alla grande manifestazioni prevista a Roma, gli operatori dovrebbero incontrarsi a Bari per protestare contro il mancato rinnovo del contratto Tlc, bloccato da due anni. I lavoratori scenderenno in moltre piazze italiane per difendere i diritti e le tutele acquisite contro il repimento del jobs act che non solo liberalizza il controllo a distanza, ma aumenta - dal loro punto di vista - la precarietà e il rischio di demansionamenti.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Vi chiedo come mai dopo il vs articolo tutto tace....i sindacati non hanno concluso nulla....Comdata che prende la stessa commessa....offre un contratto alla metà dello stipendio attualmente percepito da 104 persone in Transcom, i sindacati si incontrano a Roma e non concudono nulla con quest'ultima che dice di non avere soluzioni ed intanto in Tunisia revoca una commessa Fastweb da 140 posti lavoro dicendo di volerla portare in Italia....non apre per tempo lo stato di crisi quando gia a novembre sapeva di aver perso una commessa permettendo cosi l'apertura di procedimenti diversi......SARANNO LE ELEZIONI PROSSIME A LECCE che non permettono di far sapere a TUTTI LA VERITA'???????

  • La politica tace e ne beneficia . Siete bravi giornalisti ....indagate approfondite e scoperchiate il vaso di pandora

  • Ci mancava anche questa

Notizie di oggi

  • Cronaca

    L'Inail fotografa un Salento nero: 9 morti sul lavoro solo nel 2016

  • Politica

    Ex Agip, pubblicato il bando: per il recupero costi stimati in 380mila euro

  • Politica

    Nelle case popolari 187 contatori individuali per l'acqua. Primi interventi

  • Politica

    Statale 275, Anas incontra Regione e sindaci per illustrare l’intervento sul primo tratto

I più letti della settimana

  • Crescono le imprese salentine: il miglior risultato in 7 anni

  • Imprese individuali: quelle di cittadini extracomunitari sono il 27 per cento

  • Edifici a “consumo zero” e domotica: i geometri a lezione con vigili del fuoco

    Torna su
    LeccePrima è in caricamento