Tremila euro alle neo mamme: Ebap sostiene le imprenditrici artigiane

La somma, al netto delle tasse, sarà destinata alle titolari, socie, amministratrici e coadiuvanti di impresa che hanno partorito un figlio dal primo gennaio 2015 in poi

Un'artigiana durante una manifestazione culturale

LECCE - Una buona notizia per tutte le neo mamme salentine: chi ha partorito un figlio negli ultimi due anni avrà diritto ad un contributo di 3mila euro. Si tratta di una misura a sostegno della maternità erogata dall'ente bilaterale dell’artigianato pugliese (Ebap) in favore delle titolari, socie, amministratrici e coadiuvanti di impresa che hanno partorito un figlio dal primo gennaio 2015 in poi.

Va precisato, però, che tale importo è al lordo degli oneri fiscali e non è cumulabile con altre erogazioni a valere sul fondo di sostegno alla flessibilità ed è erogabile fino ad esaurimento dei fondi.

Le richieste di contributo devono essere compilate sui modelli predisposti dall’ente bilaterale, scaricabili dal sito www.ebapuglia.it oppure reperibili nelle sedi delle unità gestionali di bacino o presso le quattro associazioni datoriali (Confartigianato, Cna, Casartigiani, Claai) o le tre organizzazioni sindacali (Cgil, Cisl e Uil).

Le domande devono essere presentate o inviate all’Ebap Puglia. Per maggiori informazioni ci si può rivolgere agli uffici dell’Ebap, con sede a Bari, in via Re David, 12 oppure telefonando ai numeri 080.5248440 - 080.5242122.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tenta di violentare una studentessa straniera, in manette un 19enne

  • Cronaca

    Preso il truffatore dei finti incidenti: inutile fuga a piedi nei campi

  • Cronaca

    Armati sequestrano Fiorino a dipendente Lottomatica: all'interno 20mila euro

  • Cronaca

    Colpito dalla sbarra della sottovia, tre condanne e danno da 10mila euro

I più letti della settimana

  • Solidarietà e cooperazione: a Lecce il Grande Viaggio Insieme Conad

  • Cambia il mercato delle seconde case

Torna su
LeccePrima è in caricamento