Turismo e vendita diretta dei prodotti: 750mila euro per i pescatori dell'Adriatico

Sono pronti tre bandi per le attività nei comuni del Gal Porta a Levante. Il finanziamento anche per l'adeguamento di imbarcazioni e attrezzature

Il porticciolo di Castro.

LECCE - Un’azione di sostegno agli antichi sistemi della pesca, che rischiano di scomparire, arriva dalla Regione Puglia. L’ente di via Capruzzi ha previsto tre bandi pubblici, per diversificare l’attività del comparto, nell’ambito del Piano di azione locale Gal Porta a Levante.

Il finanziamento è mirato alle attività di pescaturismo ed ittiturismo, per beneficiari privati con licenza per attività di pesca e interventi per la vendita diretta del pescato locale, ed alla gastronomia di prodotti ittici.

“Gli avvisi finanzieranno il recupero di antichi sistemi di pesca (Èrgate) – ha dichiarato il presidente del Gsl Porta a Levante, Gabriele Petracca –. Le Èrgate rappresentano la memoria storica della economia locale di qualche decennio fa, legata a un sistema di pesca che garantiva l’occupazione di alcune famiglie di pescatori”.

Sul piatto ci sono, in totale, 750 mila euro del Fondo Europeo per gli affari marittimi e la pesca (2014-2020). Gli interventi riguarderanno i territori di competenza del Gal Porta a Levante ed in particolare i comuni di Vernole, Melendugno, Otranto, Santa Cesara Terme, Castro, Diso e Andrano.

La Regione Puglia intende salvaguardare, quindi, la tradizione e finanzierà anche la realizzazione di strutture adibite al deposito di attrezzi da pesca, l’acquisto di attrezzature e di arredi funzionali, cartellonistica e pubblicità e l’adeguamento di pajare e strutture in aree marine.

Il bando su pescaturismo e ittiturismo sarà utile anche ad adeguare le barche e motorizzazioni di bordo nell’ottica di una maggiore sostenibilità ambientale. I fondi potranno essere spesi anche per acquistare attrezzature e apparecchiature finalizzate alla sicurezza dei turisti, sistemi informatici a supporto della navigazione, e via dicendo.

Il 2° bando finanzierà invece le spese per la ristrutturazione di immobili e l’acquisto di strutture e impianti utili alla vendita diretta ed alle piccole attività di ristorazione.

Secondo il presidente Petracca i bandi saranno utili anche a favorire l’occupazione dei lavoratori e lo sviluppo di un settore strategico per la regione. Il termine ultimo per l'invio delle domande di sostegno è fissato al 45° giorno successivo alla data di pubblicazione dei bandi sul Bollettino ufficiale della Regione Puglia che avverrà nei prossimi giorni.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Election day, l'affluenza alle 12: in calo il dato delle comunali leccesi

  • Nardò

    Si indaga sull’ennesima auto in fumo: forse l’azione di un piromane

  • Politica

    Mercatone Uno, fallisce la società. Dramma occupazionale per 123 famiglie

  • Eventi

    Un cortometraggio girato nel Salento: ad Acaya la presentazione del progetto

I più letti della settimana

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: indagati padre e zio

  • Suicida in cella d'isolamento, la madre denuncia: "Mio figlio doveva prendere farmaci"

  • Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

  • In tre lo accerchiano sotto casa, commerciante pestato e rapinato

  • Un Rolex inesistente e il finto rimborso. Ed è doppia truffa da 24mila euro

Torna su
LeccePrima è in caricamento