Stati Uniti primo mercato per la Puglia. Il protezionismo fa paura

Grande attesa per le politiche commerciali dell'amministrazione Trump. L'assessore regionale Capone: "Investimenti per oltre cento milioni"

La sede della giunta regionale pugliese.

BARI – L’importanza delle vicende politiche americane per l’economia italiana è un fatto consolidato storicamente. E' logico dunque che ci sia molta attesa per comprendere quale orientamento prenderà l'amministrazione guidata da Donald Trump nel campo delle relazioni commerciali: la Puglia è una di quelle regioni italiane che  sul mercato a stelle e strisce sta raccogliendo molte soddisfazioni.

"Gli Stati Uniti sono il primo partner della Puglia nelle esportazioni con una crescita importante sia nel 2015 (+40,5) che nel 2016 (+13,7). Difficile capire cosa succederà con la nuova presidenza Usa. La politica protezionistica annunciata da Donald Trump certo non gioverebbe né alla Puglia né al mondo, ma di certo danneggerebbe anche gli Stati Uniti". Così si è espressa questa mattina l’assessore allo Sviluppo Economico, Loredana Capone, nel corso di un incontro dedicato alle piccole e medie imprese e ai mercati esteri.

Nei primi sei mesi del 2016 – secondo i dati di Puglia Sviluppo - gli Stati Uniti d’America sono diventati il primo mercato per le esportazioni pugliesi. Con un fatturato di 435,8 milioni di euro – pari all’11 per cento del totale export - si prospetta infatti il miglioramento del dato del 2015 (783 milioni di euro) al termine del quale gli Usa si collocavano al terzo posto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Puglia esporta negli Usa  principalmente prodotti del settore aerospaziale (aeromobili, veicoli spaziali e relativi dispositivi) che valgono da soli più del 50 per cento dell’intero fatturato export con un valore assoluto di oltre 219 milioni di euro.  Proprio in questo ambito è previsto un investimento della statunitense GeAvio  per oltre 99 milioni di euro , suddiviso in due progetti. Altre due società prevedono investimenti nella banda larga per un totale di quasi sei milioni di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo alla Scu: droga ed estorsioni. Scatta il blitz, dieci arresti

  • Accoltella la madre e poi si lancia nel vuoto: tragedia in una famiglia salentina

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Mistero a Nardò: dopo la cena con marito e figli scompare nel nulla

  • Vento e pioggia, strade trasformate in fiumi. Auto in panne e allagamenti

  • Rintracciata a Ostia: il 30 giugno, dopo cena, era uscita senza fare rientro

Torna su
LeccePrima è in caricamento