VinTage 2007 "ubriaca" i russi: diecimila visitatori

Gli operatori nord europei entusiasti di cantine, oleifici e strutture alberghiere salentine "aprono" i nuovi mercati. Il Wine-bar sulla terrazza del Carlo V preso d'assalto

vintage-2
VinTage, la fiera dei luoghi e delle tipicità va giù (in questo caso meglio dire va sù) ch'è un piacere! E conquista anche i russi. A margine della manifestazione appena conclusa è tempo di bilancio per le Città del vino e per la società Promofiere srl. Bilancio spumeggiante e che lascia ampi margini alla cooperazione internazionale e futuro trainante dell'economia e del turismo enogastronomico. Parlano i numeri e i consensi. Oltre 10mila visitatori nelle quattro serate di questa seconda edizione leccese di VinTage e un workshop che promette risultati incoraggianti per le oltre 140 aziende (tra cantine, oleifici e strutture alberghiere) che hanno incontrato ventitre operatori russi presenti nel capoluogo salentino dal 5 all'8 luglio. Operatori russi, rimasti colpiti dall'ospitalità e dal calore della popolazione salentina, e che nella fase finale del workshop voluto dalla regione Puglia, dalla Camera di Commercio di Lecce e dalla Provincia di Lecce, hanno deciso di avviare un progetto per stabilire un contatto permanente attraverso un unico referente che coordinerà gli acquisti tra tutte le aziende presenti. Seguiranno da subito, già nelle prossime settimane, le contrattazioni commerciali. Il Salento e le sue aziende agroalimentari e turistiche pronte a tuffarsi nell'inebriante mercato del Nord-est europeo. Forte interesse infatti è stato mostrato in particolare per l'offerta di alcune cantine, aziende di olio e strutture ricettive del Salento.

Ma non solo. Un successo di rilievo ha ottenuto l'Italian Wine Gallery, il wine-bar organizzato dalle Città del Vino sulla terrazza del Castello Carlo V, nonché per le numerose degustazioni di vini e prodotti tipici regionali che si sono avvicendate durante la manifestazione. Per ricordare il ventennale dell'associazione, lo scorso venerdì pomeriggio alla presenza del ministro per le Politiche Agricole Paolo De Castro, le Città del Vino hanno premiato il giornalista del quotidiano "Il Giornale", Paolo Marchi, per la sua lunga attività di divulgazione enogastronomica di qualità. VinTage chiude i battenti, ma adesso le Città del Vino sono già all'opera e si preparano a tornare in terra di Puglia, stavolta in provincia di Brindisi, e precisamente a Cellino San Marco con un'altra grande iniziativa dal titolo: "Dalle Città del Vino al Parco del Negroamaro". Appuntamento in programma dal 20 al 31 luglio. A Cellino San Marco si terrà anche l'assemblea dell'associazione nazionale, che mette in rete 550 Comuni a vocazione vitivinicola in tutta Italia, più 21 soci straor-dinari tra Province, Comunità montane e Strade del Vino.

In programma dieci giorni di convegni, enogastronomia, cultura, sport e spettacoli (il programma in allegato). Il 29 luglio, alle 15, presso la Masseria Li Veli, sarà nominato il primo Coordinatore nazionale degli Ambasciatori delle Città del Vino. Dopo Al Bano Carrisi, il noto cantante e produttore di Cellino San Marco, e dopo Pippo Baudo, nei giorni scorsi anche il gruppo dei Nomadi è entrato nel prestigioso club degli ambasciatori delle Città del Vino. Il 31 luglio il concerto finale dello stesso Al Bano, chiuderà la kermesse. Con un bel brindisi finale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tentato omicidio in una masseria: colpito alla bocca un operaio 27enne

  • Travolge grosso cane che attraversa la via e finisce su un muro: grave 21enne

  • Precipita dalle mura del centro di Gallipoli: un 30enne in gravi condizioni

  • Quell'auto sospetta agganciata più volte. Ed è una sfida ad alta velocità

  • Eroina, cocaina e marijuana: tre arresti, segnalati i due acquirenti

  • Breve temporale, ma il fulmine si abbatte sulla casa: impianto elettrico fuori uso

Torna su
LeccePrima è in caricamento