A Minervino, Gabellone e Prete “santi” nella Tavola di San Giuseppe

In serata il tradizionale appuntamento con la manifestazione in piazza Umberto I. Ospiti del rito il presidente della Provincia di Lecce e quello della Camera di Commercio leccese. Il ringraziamento del sindaco alle donne

Una tavola in casa

MINERVINO DI LECCE - Termineranno stasera a Minervino le celebrazioni dedicate a San Giuseppe, protettore dei lavoratori e degli artigiani. Dopo la celebrazione della Santa Messa celebrata da Don Antonio Cagnazzo e la successiva benedizione prenderà il via la settima edizione della Tavola di San Giuseppe, organizzata dalla locale Pro Loco e istituzionalizzata dall’amministrazione comunale nel 2006 come evento teso a promuovere la tradizione.

Quest’anno le municipalità ospitate saranno la città di Monteroni di Lecce e di Sternatia, dove i rispettivi sindaci, Lino Guido e Pantaleo Conte siederanno al pari con il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone e del presidente della Camera di Commercio Alfredo Prete alla tavola allestita in Piazza Umberto I.

Alla manifestazione oltre ai sopra citati ospiti, parteciperanno Roberta Mazzotta, componente del comitato tecnico consultivo di Pugliapromozione, Luisa Ruggio e Carmen Mancarella, giornaliste, Pasquale Ciriolo, dirigente dell’Istituto comprensivo Minervino, Simona Potenza responsabile dell’ospedale degli animali di Calimera, Mirella Quarta, presidente uscente della Pro Loco di Villaconvento e Ercole Leggiero, professore in pensione appassionato culture del rito dedicato a San Giuseppe. La figura di Gesù Bambino sarà ricoperta da un ragazzo ospite della casa famiglia “Mettere le Ali”.

Ancora una volta, decisiva per la buona riuscita dell’evento, è stata l’encomiabile partecipazione e dedizione delle donne di Minervino di Lecce, che molto devote, da vari giorni, in maniera infaticabile, sono impegnate nella preparazione delle pietanze e nel meticoloso allestimento della tavola che vedrà seduti gli illustri ospiti  a degustare i piatti della tradizione. Non di minor rilevanza è il contributo dato dalla locale Pro Loco nella figura del presidente Salvatore Rizzello e di tutti gli iscritti alla Pro Loco Minerva.

“E’ lodevole quanto siano riusciti a fare tutti coloro che hanno dedicato il proprio tempo per onorare al meglio San Giuseppe e il rispetto della tradizione – chiarisce il sindaco Ettore Caroppo -, diverse sono state le manifestazioni pubbliche che si sono svolte e che si svolgeranno nei tre centri che mi onoro di rappresentare Cocumola, Minervino e Specchia Gallone. Da sottolineare quanto accadrà a Cocumola presso il B&b Casa Pasca grazie all’importante partecipazione di un gruppo di giornalisti di caratura internazionale, ospiti presso la struttura, a cui va il mio personale ringraziamento per la sensibilità che ancora una volta ha saputo dimostrare mettendo a disposizione i propri locali”.

“Sarà in questa sede – prosegue - che i giornalisti / santi, siederanno alla tavola apparecchiata dalle Donne Pennute di Cocumola. Anche Specchia è impegnata con l’associazione Fox ad onorare al meglio il santo protettore dei lavoratori con la tavola allestita presso la splendida cappella di Sant’Anna. Un particolare ringraziamento va al presidente della Provincia e della Camera di Commercio che nonostante i loro notevoli impegni hanno accettato di onorare con la loro presenza i cittadini di Minervino, la Pro Loco e la stessa amministrazione che mi onoro di rappresentare. Ringrazio anche i colleghi sindaci e a tutti gli illustri ospiti che hanno accettato con la cortesia e gentilezza che gli contraddistingue di essere tra gli ospiti della tavola di San Giuseppe”.

 

 

 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Agguato in autostrada ai tifosi del Lecce: un mezzo dato alle fiamme

  • Psicosi da Covid-19: falso allarme, ma treno bloccato in stazione a Lecce

  • Fuoristrada sospetto: nel doppiofondo della barca mezza tonnellata di droga dall’Albania

  • Malore alla guida, schianto sullo spartitraffico: 25enne in codice rosso

  • Due sinistri di ritorno dal mare: un uomo deceduto, l’altro gravemente ferito

  • Vende l’auto a una donna, poi pretende altri soldi: militari gli tendono un tranello

Torna su
LeccePrima è in caricamento