Alba dei Popoli, tutto pronto: sabato la presentazione

Il cartello di fine anno della città di Otranto avrà il suo programma definitivo: lo annuncia l'amministrazione, che ha indetto una conferenza di presentazione. A Capodanno anche la diretta su Rai 1

L'Alba dei Popoli, cartello di fine anno della città di Otranto, avrà il suo programma definitivo: lo annuncia l'amministrazione comunale, che dopo aver pensato e realizzato una ricca programmazione di eventi, ha sciolto anche l'ultimo nodo, riguardante la notte del 31 dicembre, centro nevralgico dell'intera manifestazione. Sabato prossimo, 22 dicembre, infatti, alle 9,30, nella sala triangolare del Castello aragonese, sarà presentata ufficialmente in una conferenza stampa l'intera manifestazione, con speciale riguardo alla notte del 31. L'Alba dei Popoli 2007-2008 prevede, come già evidenziato nei giorni scorsi, una serie di eventi, tra il 15 dicembre e il 6 gennaio, rispettosi di tutti i gusti e rivolti a tutte le fasce di età: dai bambini agli adulti, dai giovani ai meno giovani.

Particolarmente entusiasta del risultato finale, il sindaco di Otranto, Luciano Cariddi, che dichiara: "L'amministrazione ha voluto mantenere questa importante manifestazione, arricchendola di diverse iniziative, cominciate già il 15 dicembre scorso con il concerto gospel in Cattedrale, e che si concluderanno il 6 gennaio con la Festa della Befana. Sono eventi rivolti ad un pubblico variegato". "Quest'anno", prosegue il sindaco, "ci è stata offerta l'opportunità di essere in diretta Rai con il concerto di Capodanno, nel programma Buon Anno Rai 1, che crediamo sia utile occasione per promuovere la città e il suo territorio in un periodo di bassa stagione. Naturalmente la manifestazione Alba dei Popoli - conclude Cariddi - rientra in una programmazione più vasta, annuale, che ci vede impegnati con diverse iniziative culturali e di intrattenimento, da realizzarsi soprattutto in periodi diversi da quello prettamente estivo, in modo tale da poter richiamare flussi turistici sempre".

Fanno eco alle parole del sindaco, l'assessore allo spettacolo, Salvatore Sindaco, e l'assessore al turismo, Antonio Schito, che spiegano di aver voluto programmare un'Alba dei popoli "senza alcuna improvvisazione". Dichiara Sindaco: "Un evento del genere va studiato nei minimi dettagli e deve essere pubblicizzato con largo anticipo, per permettere ai turisti di organizzare le loro vacanze anche in funzione della programmazione degli spettacoli, e per attirare gente dalle città vicine. Quello che manca ad Otranto nel periodo invernale è la presenza dei locali e dobbiamo recuperarli se non vogliamo che la nostra città diventi una marina. Siamo contenti di aver potuto presentare il programma quasi un mese prima".

L'assessore Schito aggiunge: "E' nata una proficua collaborazione con l'assessore regionale al Turismo, Massimo Ostilio. Stiamo facendo tutti i passi per cercare di raggiungere la tanto agognata destagionalizzazione. Vorremmo, difatti, attirare ad Otranto i flussi turistici e l'hinterland anche in periodi di bassa stagione. La nostra città è bella in tutti i mesi dell'anno e ha tanto da offrire sempre. E' importante puntare ad un turismo di qualità, familiare, ed allontanarci dalla sempre più diffusa filosofia del mordi e fuggi". Concludono i due assessori: "Dobbiamo fare in modo che l'Alba dei Popoli non sia l'unico evento di spessore nell'arco dell'anno. Stiamo lavorando per organizzare una serie di manifestazioni importanti. I visitatori che scelgono Otranto per le loro vacanze o semplicemente per una passeggiata, devono sentirsi coccolati, devono poter usufruire di una programmazione intelligente e ricca. Otranto deve crescere in questo senso e deve diventare un punto di riferimento per tutti i viaggiatori".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (17)

  • Avatar anonimo di Luperto Pierluigi
    Luperto Pierluigi

    Leggendo l'articolo mi trovo d'accordo con le parole dei due assessori, che l'alba dei popoli non debba essere l'unica manifestazione di spessore nell'arco dell'anno a Otranto. Spero che ci siano tante iniziative e spettacoli per ogni età, per i cittadini Otrantini e per i turisti, e che no si offra solo mare e centro stirico. Sono d'accordo anche sul fatto che Otranto debba diventare il punto di riferimento per tutti i viaggiatori, ma per fare questo penso che bisogna dare una mano alle persone che non si possono permettere di pagare degli affitti esorbitanti. Per fare questo non credete che Otranto abbia bisogno di un ostello per la gioventù? Magari il vecchio DON TONINO BELLO gestito dal comune a prezzi più accessibbili? Forse si potrebbero creare dei nuovi posti di lavoro?

  • Avatar anonimo di Luciano Esposito
    Luciano Esposito

    Credo che di dovere dovrebbe attingere da questi commenti alcune giuste osservazioni da parte dei cittadini. E mi auguro che non vengano sottovalutate per il futuro. Anch'io non sono perfettamente d'accordo sulla diretta Rai. A che serve se è in diretta ? In quelle stesse ore gli Italiani festeggiano ognuno a modo proprio l'ultimo dell'anno ed in ogni parte diversa del paese. Quindi credo sia una valutazione completamente errata quella di diffondere l'immagine di Otranto tramite la diretta Rai. Poteva essere utile semmai se il servizio andasse in differita e non in contemporanea. Bisognerà poi analizzare i risultati dell'audience per una più corretta valutazione e dai risultati tenere in considerazione il numero dei telespettatori che non si muovono da casa (mai). Neanche a Capodanno. Per cui per tutti i motivi solo in piccola parte elencati il risultato non potrebbe che essere deficitario. Anche l'osservazione sui giovani di Otranto è corretta. Otranto vive e deve vivere di eventi tutto l'anno lo diciamo tutti allora perchè non affidare quelle somme comunque ingenti a persone del posto idonee e qualificate per formare delle vere e proprie squadre di tecnici ? Mi riferisco a tutti quei ragazzi e ragazze che sono in cerca di lavoro e che hanno voglia di lavorare in questo benedetto paese. Senza dover per forza cercare fortuna altrove. Qualora non fosse tutto chiaro, io ritengo, che se questi soldi si devono proprio spendere che almeno rimangano nel territorio e non vadano a finire a Roma. Caro Luciano, Sindaco di Otranto, e caro Salvatore, Assessore allo spettacolo, vi chiedo, per il futuro di prendere in considerazione questa breve riflessione per il bene delle nostre familgie e dei nostri figli.

  • Avatar anonimo di Elena Ricciardi
    Elena Ricciardi

    è inconcepibile una tale cifra...quale azienda che vuole fare un investimento simile non si aspetterebbe un ritorno almeno decuplicato? e il ritorno per otranto sarà tale?

  • Avatar anonimo di Enrico Risolo
    Enrico Risolo

    Concordo con Dario c. circa l'utilità (o l'inutilità;) della diretta Rai. Quello che mi lascia perplesso sono i costi. Se le informazioni non sono sbagliate, l'evento del 31. 12 costa circa 550.000 Euro, finanziati per buona parte dalla Regione Puglia. Gli artisti che si esibiranno fanno parte del pacchetto che la Rai stessa forniscea e somo imposti in quanto convenzionati (come riportato dalle cronache dei giornali). Se a questo aggiungiamo che la Regione Puglia ha un bilancio che rischia la bancarotta, e se non la subirà sarà grazie all'aumento delle imposte regionali, mi viene da pensare che forse si stanno spendendo troppi soldi. Condivido tutto quello che esprimeva Claudio Giannetta nel precedente commento, riguardo alle potenzialità dei giovani ma, caro Claudio, purtroppo sono di Otranto e questo basta per tenerli fuori da giro. (e poi ci lamentiamo se vanno fuori)

  • ..credo che la diretta rai sia invece una cosa importantissima..una vetrina che nessuno dovrebbe "snobbare"... avete idea di quanto costi un trafiletto su una testata importante (I Viaggi di Repubblica, Dove ecc ecc) Di sicuro il sig. Giannetta risponderà celermente che queste cose le sa benissimo...visto che probabilmente il suo lavoro è quello di PROMOTER del TERRITORIO è più utile un concerto...culturalmente ineccepibile..per pochi intimi..o meglio investire in altro modo..magari anche ogni tanto puntando alto?....LA RAI è sempre la tv NAZIONALE... SE la cosa vi "fa schifo" passate questa opportunità..da quest'altra parte...(LECCE..e/o Gallipoli)...vi ringrazieremo del regalo..

  • Avatar anonimo di Dario C.
    Dario C.

    non posso che dare ragione al sig. claudio giannetta. Ad Otranto esistono tante potenzialità di ragazzi che potrebbero avere le competenze per organizzare questa manifestazione e per farne il motore di un'economia duratura. Spendere quella cifra per un collegamento rai di cui è tutta da dimostrare la vantaggiosità promozionale non credo che sia una grande operazione. come non è una grande operazione spendere di per sè una cifra tanto grande, per una manifestazione... avrà ancora senso un minimo di etica in queste situazioni? si predica di un'Italia povera e ci consegniamo ad una festa così onerosa?

  • Avatar anonimo di Claudio Giannetta
    Claudio Giannetta

    Ho innanzi detto di non voler scatenare polemiche, ma era solo per una constatazione dei fatti. Credo che Andrea Ricciardi abbia centrato a pieno la questione in merito, e dopo ciò penso che ci sia poco da dire ti ricordo che chi ti parla è un produttore di eventi, e vorrei chiederti cosa centra con l'alba dei popoli un'artista di nome Patty Pravo, quale filo logico unisce la stessa con Roy Paci (artista del quale nutro profonda stima)? Non dobbiamo aspettare certo il 7 gennaio per dare risposte in merito!!! Il fatto è che a Otranto tutti ne sanno di tutto, e spesso vengono esclusi dalle trattative e dai tavoli di concertazione proprio coloro che hanno forti competenze nel campo! e non mi riferisco a me, ma ti informo che nei giovani di Otranto, esistono figure professionali che potrebbero curare l'evento da cima a fondo, senza dover rivolgersi ad agenzie esterne che spesso speculano sull'immagine della nostra città!

  • Avatar anonimo di Enrico Risolo
    Enrico Risolo

    ... per gli apprezzamenti che ho il piacere di ricevere evidentemente la verità è sempre scomoda, ma ricordate che io non vado mai sul personale, muovo solo critiche politiche al governo di questa città, e ci (ri)metto la mia faccia, voi ci mettete solo anonimato, incapaci di costruire un dialogo i miei complimenti!

  • Avatar anonimo di Antonio .
    Antonio .

    Quandu a urpe nu ria a l'uva dice ca ete cresta! ALTRO DETTO : I guai da pignata li sape a cucchiara ca li ota! ALTRO DETTO : Nui ulimu biava pe centu cavaggi! X TE ENRICO IL PENSIONATO LAVORATORE

  • Avatar anonimo di Enrico Risolo
    Enrico Risolo

    E che io sia critico verso l'amministrazione non è un segreto, ma è molto preoccupante il fatto che tu voglia "chiudere la bocca" a chi esprime una opinione diversa dalla tua, dimostrando l'atteggiamento che contraddistingue quello che io ho sempre cercato di contrastare: L'OMERTA' e la TRASPARENZA. Spero che tu abbia un futuro ricco di soddisfazioni, io i miei obiettivi li ho già raggiunti, con grande dignità e umiltà.

  • Avatar anonimo di Federica Doc Lecce
    Federica Doc Lecce

    ...questo sparare fango.a destra e a manca...su un evento che comunque e chiunque lo abbia progettato, deciso firmato..porta luce sulla nostra città... cosa credete pensi chi si trova a leggere i nostri commenti?...che siamo polemici giusto per esserlo..mi chiedo...perchè uno di fuori paese debba venire a Otranto se già chi ci vive e dovrebbe esaltare l'evento ne parla male? e poi spiegatemi una cosa... che significa "snaturare" l'evento?....penso che bisogna sempre unire cultura e spettacolo cercando di portare anno dopo anno qualche cambiamento...Credo che il programma non manchi di nulla ...certo ancora non si sa chi canterà la notte del 31...(sempre che non mi sia persa qualche passaggio!!!). Comunque in breve..come diceva qualcuno..aspettiamo e vediamo come va..solo dopo si potranno fare le giuste critiche, sperando sempre siano costruttive... Come si dice la speranza è l'ultima a morire...

  • Avatar anonimo di Enrico Risolo
    Enrico Risolo

    Devo dire che forse sei troppo nervoso e non leggi bene io ho solo criticato il passaggio degli assessori che si sono "spesi" pubblicizzando gli eventi "con largo anticipo": e ho fatto notare che mentre si pensa di dare il tempo ai turisti di organizzare le vacanze, all'evento di cui si parla mancano solo 10 giorni. Un'ultimo appunto: la CENSURA non fa onore a nessuno, anzi conferma tutto quello che penso di voi (politicamente) e comunque sappi che almeno per me si ottiene il risultato contrario.

  • Questa era l'Alba dei Popoli quella vera, così come il Direttore Dott. De Luca dell'Isituto di culture mediterranee della provincia di Lecce ed il suo Staff iavevano cominciato a costruire: "Otranto, luogo simbolo del Mediterraneo, crocevia di culture, intreccio di civiltà (come testimoniano molti suoi monumenti e la sua storia passata e recente) celebra il legame della Puglia con la civiltà mediterranea attraverso una rassegna di Arte, Cultura, Ambiente, Musica e Spettacoli. Alba dei Popoli - Otranto Festival è un'iniziativa che prende spunto dalla forza simbolica esercitata dal "primo sorriso del sole" del nuovo anno all'Italia. La luce che giunge dall'Oriente illumina per prima questa frontiera dell'Europa. Tutto ciò ha ispirato un'iniziativa condotta congiuntamente dalla Provincia di Lecce, dall'Istituto di Culture Mediterranee della Provincia di Lecce, dal Comune di Otranto e da numerosi partner nazionali ed internazionali quali la Fondazione Mediterraneo, la Maison de la Mediterranée e la Fondazione "Le Tre Culture di Siviglia". La manifestazione si svolge sin dal 1999 ed ha visto l'adesione - nel corso degli anni - di numerosi artisti ed intellettuali di livello internazionale. Si farebbe un torto a non nominarli tutti, ma solo per fare qualche esempio in questa rassegna sono intervenuti musicisti quali Goran Bregovic, Franco Battiato, Vinicio Capossela, Edoardo Bennato, Nicola Piovani, Lou Reed registi tra cui Ferzan Ozpetek, Emir Kustuirica, Manuel Pradal, oltre ad una lunga serie di rappresentanti istituzionali dei Paesi del Mediterraneo. Alba dei Popoli - Otranto Festival è un contenitore che ospita una rassegna delle tradizioni, della cultura popolare, delle espressioni artistiche dei popoli del Mediterraneo senza alcuna esclusione o preclusione." è inutile aggiungere altro.......

  • Avatar anonimo di Universitario ..
    Universitario ..

    Chiedo al Signor Risolo di tenere la bocca chiusa ogni tanto e di non gettare fango su questa amministarzione... Facciamo prima passare l'evento e alla fine tireremo le somme. Ci risentiremo il 7 gennaio, quando tutto sarà finito. Grazie!!!

  • Avatar anonimo di Mario S.
    Mario S.

    ne vale uno? che delusione ! dicono sempre le stesse cose. Ass. schito abbiamo capito che hai conosciuto l'Ass. Ostillio ! e basta di qualcos'altro. Ass. Sindaco pure tu ma non vedi che ti contraddici ? forse è meglio se vi stavate a casa al calduccio.

  • Avatar anonimo di Enrico Risolo
    Enrico Risolo

    ... del largo anticipo "abbiamo voluto presentare la manifestazione un mese prima", dice l'amministrazione. Ma se siamo al 20 di dicembre e ancora non conosciamo il programma del 31, se poi consideriamo che verrà comunicato il 22, forse c'è qualcosa che mi sfugge.

  • Avatar anonimo di Claudio Giannetta
    Claudio Giannetta

    Non vorrei essere polemico nè con il sindaco Cariddi, nè con l'assessore Sindaco, ma è giusto ricordare ai miei concittadini che nelle due passate stagioni ho dato il mio forte contributo per realizzare la manifestazione "Alba dei Popoli" tutti gli addetti ai lavori nel settore della cultura e dello spettacolo, ne hanno condiviso il percorso culturale, e soddisfatti della buona riuscita dell'evento si sono congratulati. Voglio ricordare che i soldi spesi per la manifestazione del 30 e 31 dicembre dello scorso anno, sono stati di gran lunga inferiori rispetto alle previsioni di spesa che questa amministrazione sta preventivando e sono stati inferioni a 100mila€. Ora vi domando, come mai si sta snaturando il percorso culturale dell'evento? e ancora, cosa non si potrebbe fare per Otranto e la cultura del territorio con circa 600mila€? penso che se li avessi avuti a disposizione avrei programmato 2 anni di attività spalmati nei 360 giorni, coinvolgendo tutte le realtà del posto, facendo sì che la produzione rimanesse prettamente locale!!! in questo modo ci sarebbe stata crescita per le nostre professionalità e per i nostri giovani!!!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Frode fiscale milionaria: in sette rischiano il processo

  • Politica

    "Prima Lecce - Andare Oltre" perde un pezzo: passo indietro di un candidato

  • Cronaca

    Favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione: in manette un 44enne

  • Attualità

    Ordine degli avvocati, Roberta Altavilla viene riconfermata alla presidenza

I più letti della settimana

  • Oltre 1 chilo di cocaina, arrestato il fratello del boss del clan "Vernel"

  • Assalto al furgone portavalori partito da Lecce: esplosi colpi di Kalashnikov

  • Far West vicino alla banca: spari in aria, rapinati 35mila euro

  • Perde il controllo, schianto sul muro: muore un uomo di 58 anni

  • Ruba un'automobile e raggiunge la marina, ma si trova davanti i carabinieri

  • Bollette, attenti alle truffe su luce e gas: le parole da non dire mai al telefono

Torna su
LeccePrima è in caricamento