"La sindone, storia e misteri”. Presentazione del libro di Emanuela Marinelli e Livio Zerbini

Torna nel Salento, e segnatamente in quel di Gallipoli, la professoressa Emanuela Marinelli, che si occupa da quarant'anni di indagare la reliquia più conosciuta e affascinante, quella della sacra Sindone. Martedì, 21 marzo, a partire dalle 18,30 presso la Confraternita del Ss.Crocifisso della città bella, sarà presentato il libro dal titolo "La Sindone-Storia e Misteri. L'indagine più completa mai realizzata".

Questo lavoro inedito, portato a termine da Manuela Marinelli, con l'aiuto dell'antichista professor Livio Zerbini dell'università di Ferrara e la "benedizione" del Cardinale Francesco Coccopalmerio, intende rappresentare lo stato dell'arte delle conoscenze internazionali sul Sacro Lino. Per la prima volta la storia della Sindone è completa, perché non solo l'autrice ci porta sul Golgota al seguito di Nicodemo e Giuseppe di Arimatea, l'ebreo facoltoso che, grazie alle sue ricchezze, fornì il lenzuolo funebre ovvero un panno bianco di lino pregiato probabilmente proveniente, scopriamo grazie all'autrice, dall'India, per rivivere il momento in cui la cristianità colloca la resurrezione. Non solo ripercorre le vicende della Sindone da quando entrò in possesso di Geoffroy I de Charny fino ai giorni nostri (passando per le mani dei Savoia, che lo custodirono dal 1453).

Non solo adombra l'affascinante ipotesi (finora poco dibattuta, ma qui molto ben circostanziata) che siano stati i Templari a farlo pervenire al signore delle terre di Lirey, appunto quel Geoffroy che fu il primo europeo indicato dalla storiografia come possessore della reliquia. Ma l'autrice dedica anche molta parte del volume a testi all'oggi totalmente inediti: le fonti islamiche che parlano del cosiddetto Mindîl. La Marinelli cita lo storico Ian Wilson il quale sostiene che il Mandylion (appunto dall'arabo Mindîl, fazzoletto), ovvero il panno con il volto di Cristo definito acheiropoietos e tetradiplon (quindi "non generato da mano d'uomo" e "raddoppiato quattro volte") sia nientemeno che la Sindone. Per completare il quadro l'interessantissima decostruzione della datazione ottenuta nel 1988 con il carbonio quattordici, a favore di analisi scientifiche più recenti e complete che collocano il Sacro Lino all'epoca della vita di Gesù.

Un viaggio affascinante attraverso la storia della reliquia più straordinaria, che finalmente si può seguire nella sua interezza, da quel sepolcro 1987 anni fa, fino alla teca in cui è custodita oggi nella città di Torino. Emanuela Marinelli è laureata in Scienze naturali e Scienze geologiche presso l'Università La Sapienza di Roma. È' stata docente presso il Centro Romano di Sindonologia. Ha insegnato Iconografia, Iconologia e Simbologia Cristiana presso la Libera Università Maria SS.ma Assunta. Ha partecipato a numerosi congressi sulla Sindone ed è stata la coordinatrice del comitato organizzatore del congresso mondiale "Sindone 2000". Conferenziera in Italia e all'estero, ha scritto moltissimi articoli e diciassette libri sulla Sindone, tradotti in varie lingue.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Il dovere della madre: il romanzo di Anna Polin

    • 18 luglio 2020
  • "Argo": incontri ravvicinati

    • Gratis
    • dal 26 giugno al 30 ottobre 2020
    • online
  • L’estate pugliese dei ragazzi e delle ragazze nelle Case Speciali

    • dal 15 giugno al 17 luglio 2020
    • Cantieri Teatrali Koreja

I più visti

  • Io mi alleno a casa con Agnese: l'evento su youtube

    • Gratis
    • dal 29 marzo al 31 luglio 2020
    • https://www.youtube.com/channel/UCv6hS1gY1EEtLJCGzoO8zGg
  • “Clown”: la mostra di Franco Baldassarre

    • dal 20 giugno al 30 settembre 2020
    • Castello Aragonese
  • La mostra di Pietro Guida al Castello di Copertino

    • dal 14 luglio al 19 settembre 2020
    • Castello di Copertino
  • Impazza la moda degli "spupazzi"

    • Gratis
    • dal 9 giugno al 11 agosto 2020
    • Gli Spupazzi
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    LeccePrima è in caricamento