Koreja e Daniele Coricciati presentano "Santolivo. requiem per un albero"

La prima produzione editoriale del Teatro Koreja

E poi, LE NOZZE D’OLIO, letture a cura di Carla Guido e Ludovica Polito dalla Francia arriva JOHAN PADAN A LA DESCOVERTA DE LE AMERICHE epopea tragi-comica tratta dal celebre testo di Dario Fo

e poi ancora musica con Les Trois Lézards

Giovedì 18 luglio 2019 alle ore 21.00 Teatro Koreja e Daniele Coricciati presentano, sul terrazzo di Palazzo Grassi ad Aradeo, SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO – IL LIBRO, la prima produzione editoriale del Teatro Koreja che, proprio con questo titolo inaugura la sua Koreja Edizioni.

Un libro voluto da Daniele Coricciati e Salvatore Tramacere, prodotto dalla stamperia EBS (Editoriale Bertolazzi SteI), che ha stampato, tra gli altri, Genesis di Sebastião Salgado, Photograph di Dennis Hopper e Sumo di Helmut Newton.

A due anni dallo straordinario omonimo spettacolo del Teatro Koreja che ha coinvolto tutta la comunità di Aradeo, arriva un libro ripartito come un'opera musicale contemporanea: nella prima parte, il Preludio, scorrono le fotografie in bianco e nero di Daniele Coricciati accompagnate dai testi del regista salentino Edoardo Winspeare, della regista danese Anna Stigsgaard che ha diretto la performance nel 2017, di Salvatore Tramacere e dello stesso Coricciati. Nell’Intermezzo, sono raccolte le parole nuove e curiose di una redazione under 20, la “Generazione Xylella”, nata per raccontare con i propri occhi cos’è la morte degli ulivi nel Salento: Lorenzo De Carlo, Roberta Manca, Camilla Rizzo, Andrea Taurino e Andrea Tundo, accompagneranno la presentazione con una lettura dei testi autografi contenuti nel libro. E poi un Finale ancora tutto da scrivere.

La dedica del libro è “Al Futuro”, che non conosciamo, che ci tormenta, che ci interroga.

[…] Con Daniele Coricciati - racconta Salvatore Tramacere - abbiamo deciso di pensare alla tragedia del Salento nella forma di un libro fotografico in cui i colori del cielo, i tronchi degli ulivi, le facce scavate dei vecchi, gli occhi grandi dei bambini, restassero impresse in questi scatti in bianco e nero e che quindi andassero al di là della nostra possibilità di vedere o meno se le radici attecchiranno, se gli alberi risorgeranno. Il corpo principale dei testi di questo lavoro è costituito, infatti, da un gruppo di giovani autori, dai 17 ai 19 anni, che abbiamo voluto chiamare “Generazione Xylella”. Questo titolo suonerà distorto e quasi offensivo, ma quello che questi testi restituiscono è l’amara consapevolezza di essere fragili come alberi che hanno radici piantate nel terreno da centinaia di anni e che, con la stessa fragilità possono essere attaccati e forse cadere, ma anche, soprattutto, rialzarsi, resistere, imparare e farsi le domande necessarie, cercare le risposte nella realtà che c’è e in quella che si vuole provare a costruire in un presente prossimo. Forse, senza volerlo, questo libro che intendeva raccontare per immagini un lavoro di comunità intorno ad un santo laico, l’ulivo, è diventato un libro antropologico che racconta con parole nuove, non più le mie, non solo quelle di Coricciati, quali sono le domande da farsi oggi […]

A seguire LE NOZZE D’OLIO, letture a cura di Carla Guido e Ludovica Polito che intrecciano il mito e la contemporaneità attraverso la voce di una Dea, Xylella Fastidiosa, che narra agli uomini le sue origini.

La serata prosegue alle ore 22.00 nel cortile piccolo, dove la compagnia francese del Teatro Le Girandole JOHAN PADAN A LA DESCOVERTA DE LE AMERICHE, epopea tragi-comica tratta dal celebre testo di Dario Fo. Johan Padan a la descoverta de le Americhe segue le avventure di Johan, un personaggio picaresco, una sorta di antenato d’Arlecchino,

che scappa da Venezia e dalla Spagna per ritrovarsi, infine, nelle Americhe dove stringerà amicizia con una tribù di Indios. Travaglino darà vita, sulla scena, alla miriade di personaggi che popolano la storia. Un confronto tra due culture narrato con ironia e intelligenza.

Nuovo appuntamento per Falene a Palazzo, il dopo festival del Teatro dei Luoghi dedicato alla musica. Nel cortile grande il live concert di Les Trois Lézards: direttamente dalla “Tadjiguinie” arrivano le musiche di Emmanuel Ferrari, un incontro di Valse Francese, influenze Balkan e Tarantella, accompagnato, alle percussioni da Alessandro Chiga, alla tromba, da Giorgio Distante e al tamburello di Roberto Chiga. Bienvenus!

E poi, ancora, le bontà de L’ORTO DEL PALAZZO con TENUTA LUNA, l’UOVO PERFETTO e della Società Cooperativa Agricola KARADRÀ e i programmi della Radio dei Luoghi, con interviste inedite, back stage, concerti in diretta e pillole di critica creativa a cura di Dematà.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Music Platform: online la nuova puntata

    • Gratis
    • dal 6 gennaio 2019 al 1 gennaio 2020
    • Online
  • Torna il "sabato del villaggio" al Liceo artistico coreutico

    • dal 9 novembre 2019 al 25 gennaio 2020
    • Liceo artistico e coreutico
  • Rock, Rimbaud e caffè a Nardò

    • solo domani
    • Gratis
    • 21 novembre 2019
    • Arci Nardò Centrale

I più visti

  • Salento on stage: danza

    • Gratis
    • dal 8 ottobre al 25 novembre 2019
    • Gold’s Gym di Carlo Parisi
  • Mostra Ballet Russes al Castello Carlo V

    • dal 4 al 30 novembre 2019
    • Castello Carlo V
  • Laboratorio di teatroterapia a Maglie

    • dal 29 ottobre 2019 al 26 maggio 2020
    • Corte De'MIracoli
  • I nuovi progetti di Alchimie a San Cesario di Lecce

    • dal 12 ottobre al 1 dicembre 2019
    • Ex distilleria De Giorgi
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    LeccePrima è in caricamento