Terzapagina. "Io faccio così". Un viaggio in camper nell'Italia che cambia

Daniel Tarozzi racconta in un testo edito da Chiarelettere un Paese che reagisce alla crisi: sette mesi on the road, senza scadenze e itinerari precisi, inseguendo le esperienze di chi prova a cambiare vita e a non rassegnarsi

@TM News/Infophoto

“Il cambiamento è un richiamo della necessità.” Lo dice un artista come Michelangelo Pistoletto, ma è l'anima del singolare percorso di Daniel Tarozzi, direttore della rivista web "Il cambiamento", autore e regista di documentari, raccontata nel testo, edito da Chiarelettere, "Io faccio così. Viaggio in camper nell'Italia che cambia".

Nonostante la crisi, i partiti, le tasse, c’è, dunque, un’Italia che reagisce, che non molla, che va avanti e crede nel futuro. Daniel Tarozzi ha deciso di salire sul camper e andare a scoprirla e a raccontarla: sette mesi on the road, senza scadenze o itinerari precisi, inseguendo le esperienze di chi prova a cambiare vita e a non rassegnarsi al peggio.

La scoperta è che si sta creando una rete diffusa dal Nord al Sud di microeconomie che valorizzano il territorio e le competenze delle persone, spesso promuovendo lavori che le statistiche nemmeno rilevano: in città, in campagna, da soli, in gruppo. Sempre all’insegna dell’ecocompatibilità, del risparmio e della qualità della vita.

Contadini, inventori, imprenditori, manager, artigiani, neolaureati, artisti: le loro storie non fanno più parte dell’aneddotica ma costituiscono una realtà che va raccontata e fotografata e dimostrano che un altro Pil, più vero e di qualità, è possibile. Perché come spiega Padre Alex Zanotelli, “Quando l’economia uccide bisogna cambiare”.