Fornire un esempio agli adulti di domani: a Vaste la figlia di Renata Fonte

Un incontro destinato ai più giovani con Sabrina Matrangola, figlia dell’assessora comunale neretina uccisa nel marzo del 1984. Appuntamento per martedì 16 aprile

Renata Fonte, uccisa nel 1984.

VASTE (Poggiardo) – Importante appuntamento, martedì 16 aprile, a Vaste. Nella piccola frazione di Poggiardo è stato infatti organizzato un incontro con con Sabrina Matrangola, la figlia di Renata Fonte. L'iniziativa è organizzata dal gruppo giovani di Azione Cattolica, presso i locali della scuola materna Santissimi Martiri a partire dalle 19,30.

L'idea nasce dalla volontà di alcuni ragazzi di far conoscere la storia dell'assessora al Comune di Nardò uccisa per mano della mafia salentina nella notte del 31 marzo del 1984. Ancora oggi sono tanti i misteri irrisolti sulla sua morte. Renata Fonte fu uccisa perché si oppose alla cementificazione di una delle più belle località costiere d'Italia: Porto Selvaggio.

 Il suo eroico esempio di rettitudine e amore per l'ambiente e il territorio deve servire oggi, soprattutto per le giovani generazioni, a crea un mondo ed una società migliore per tutti.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Auto sbanda e si ribalta un paio di volte: in due in prognosi riservata

  • Politica

    Frazione organica, ritiro a singhiozzo: le buste devono essere compostabili

  • Attualità

    De Candia e Leandro, memoria a rischio: le loro opere molto copiate dai falsari

  • Cronaca

    Il nuovo pentito della Scu: “La mia latitanza anche a Porto Cesareo”

I più letti della settimana

  • Finisce con la Porsche nei campi: muore durante il ricovero giovane imprenditore

  • Troppo gravi le ferite, muore in ospedale 25enne ferito in un incidente stradale

  • Sorpassa due auto, poi il frontale con la terza: 30enne in codice rosso

  • Violenta lite in famiglia. Colpisce con un coltello la cognata: arrestato

  • Torna il linguaggio mafioso a Parabita: minacce ai commissari e manifesti funebri al candidato

  • Carne conservata male e lavoratori in nero: maxi multa a un negoziante

Torna su
LeccePrima è in caricamento