homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius epifaniacarnevalesan-valentinofesta-donnafesta-papapasqua1-maggiofesta-mammaferragostohalloweennatalecapodannochildrenlocation-maps

La notte del fuoco: l'immensa focara rischiara la notte, l'antico rito si perpetua

La temperatura è crollata, il cielo s'è caricato di nubi gravide di pioggia, la processione di questo pomeriggio in onore di Sant'Antonio Abate è stata rinviata di un giorno, ma nulla è riuscito a fermare la potenza dell'immensa pira

Foto di Antonio Quarta e Luca Capoccia Photo.

NOVOLI – La temperatura è crollata, il cielo s’è caricato di nubi gravide di pioggia, la processione di questo pomeriggio in onore di Sant’Antonio Abate è stata rinviata di un giorno, ma nulla è riuscito a fermare la potenza del fuoco. E alle 20,30, l’immensa pira costruita con fascine di viti ha spirgionato le sue fiamme, illuminando una serata più buia che mai, contorniata da un'esplosione pirotecnica, davanti a decine di migliaia di occhi estasiati per un rito che fonde sacro e profano, la cui origine si perde nella notte dei tempi e che si rinnova da sempre con varianti sempre più fantasiose.

Un tempo culto locale, la fama s’è diffusa fino a trasformare la Focara di Novoli, non l’unica, ma comunque la più grande d’Europa e del Mediterraneo, in un polo d’attrazione, un evento noto in tutto il mondo, il corrispettivo invernale (per quanto decisamente molto più antico) della Notte della Taranta di Melpignano. Fino a trasformare l’evento in un festival intriso di musica, spettacoli e approfondimenti culturali. Coinvolgendo e attirando l'interesse generale.

Per dirne solo una, per la prima volta è presente anche la stampa estera. Tra i duecento giornalisti accreditati, anche la tv svizzera, quella turca, la radio tedesca, quella  rumena, oltre a  giornalisti dal Cile e dalla Russia. A conferma dell’interesse crescente.

Venticinque metri d’altezza, un diametro di 20 metri, quella di Novoli è una grande festa legata in un vincolo indissolubile al culto di Sant'Antonio Abate, l’eremita egiziano vissuto nel III secolo d.C., considerato il fondatore del monachesimo cristiano. Un legame che risale alla leggenda del santo pronto a inoltrarsi fra le fiamme dell’inferno per contendere al demonio le anime dei peccatori, prerogativa che l’ha reso protettore di tutti coloro che hanno a che fare con il fuoco.

Questa sera, in Piazza Tito Schipa, ad accendere il “fuoco buono di Puglia”, diversi ospiti. A fare gli onori di casa, il sindaco di Novoli e presidente della Fondazione Fòcara, Gianmaria Greco. Presenti il presidente della fondazione "La Notte della Taranta" Massimo Manera, il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, il presidente della provincia di Lecce Antonio Gabellone, il presidente del Gal Valle della Cupa Giuseppe Taurino, il sindaco di Lecce Paolo Perrone, l’artista Gianfranco Baruchello (che ha creato le bandiere delle nazioni, infilate tra i rami di tralci di vite del falò, per  superare metaforicamente i confini identitari nazionali e rivendicare il valore puro del legame con l’altro), e il critico d’arte Vittorio Sgarbi, che ha tenuto una lectio magistralis sul fuoco e Sant’Antonio Abate nell’arte.  

Il tutto condito dagli spettacoli, ogni anno più emozionati, come l’esibizione del funambolo di fama internazionale Jade Kindar-Martin, nata da un’idea di Boris Vecchio, e pronto a sfidare con il fuoco il proprio equilibrio sul cavo d’acciaio nello spettacolo “Fire Wire” (una camminata sopra un cavo fiammante lungo 40 metri, sospeso a 12 metri di altezza) e la suggestiva musica di Gabriele Panico, in arte Larssen, che con “Phoco” ripropone in forma musicale i suoni del fuoco e le voci della piazza nei giorni della festa.

Il video

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • bravo Mattia ai proprio ragione che vergogna la legge non è uguale per tutti

  • Ma tutti i vari "no ai botti" di capodanno dove sono finiti? Erano tutti a guardare il bellissimo spettacolo pirotecnico a novoli?

Notizie di oggi

  • Cronaca

    "Stai zitta". Rinchiusa in una stanza, rapina nel bar in piena notte

  • Otranto

    Il veliero affonda a tre miglia da Punta Palascia. Salvati in 52 dopo il “mayday”

  • Cronaca

    Nell'armadio agenti trovano eroina. Agli arresti domiciliari un 31enne

  • Cronaca

    Violento tamponamento, intera famiglia in ospedale: bimbo di 2 anni in Rianimazione

I più letti della settimana

  • A Santa Maria di Leuca una “cascata” di luci: si illumina l’imponente scalinata

  • Ultimo week end del mese di giugno: tutti gli eventi per divertirsi

  • Un futuro mai visto: appuntamento a Lecce nel ricordo di Renata Fonte

  • Nanoscienze e innovazione, a Otranto la conferenza internazionale “Electrospin”

  • Ladies vs Gentlemen, le opere di Andy Wharol e gli scatti di Maria Mulas

Torna su
LeccePrima è in caricamento