homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius epifaniacarnevalesan-valentinofesta-donnafesta-papapasqua1-maggiofesta-mammaferragostohalloweennatalecapodannochildrenlocation-maps

Nuova vita per il museo archeologico di Vaste: il Palazzo baronale mostra i suoi gioielli

Contiene tra i più prestigiosi reperti rinvenuti in una delle maggiori aree di ricerca messapica. Il nuovo percorso espositivo sarà aperto al pubblico, a titolo gratuito, fino al prossimo 10 gennaio

Il Palazzo baronale di Vaste

VASTE (Poggiardo) – Il Museo archeologico di Vaste rinasce: nuova vita nel Palazzo Baronale restaurato in Piazza Dante. L’ingresso nella struttura sarà aperta al pubblico a titolo gratuito fino al prossimo 10 gennaio.

Dopo oltre trent’anni di campagne archeologiche condotte dall’Università del Salento si è giunti alla attuale riorganizzazione, che espone attraverso le sue emergenze architettoniche ed i ricchi reperti il senso e la vita della comunità insediata su questo territorio. Nel piccolo borgo, frazione di Poggiardo, fin dall’età del ferro si sono succedute popolazioni pacifiche, dedite alla pastorizia e all’agricoltura, sdegnose delle armi se non per difendersi dall’odiato vicino, la città spartana di Taras.Cratere apulo a figure rosse, scena di ratto-2

E’ uno dei più celebri insediamenti messapici che occupavano il vasto territorio della penisola salentina dal Capo di Leuca, la bianca, fino a Brundisium, il cui nome ricorda le corna dell’alce, e Manduryon sul confine occidentale, insediamenti di una popolazione che veniva dal mare, da Creta secondo Erodoto, più probabilmente da genti sbarcate dalla contrapposta costa adriatica.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Con lo scooter finisce nelle campagne, muore carabiniere in pensione

    • Cronaca

      Diritti e pretese nella festa patronale: "Chiamo Paolo e ti trovi disoccupato"

    • Cronaca

      Dai Balcani verso il Salento con marijuana per 700mila euro: arrestati due scafisti

    • Cronaca

      Morto dopo la caduta dalla scala, l'autopsia non chiarisce tutto il quadro

    I più letti della settimana

    • La Notte della Taranta diventa una grande maratona della solidarietà

    • Terremoto in Centro Italia: anche la Taranta all’insegna della solidarietà

    • Torna la “Festa de lu mieru”: la regina delle sagre riaccende l’estate

    • Ultimo fine settimana di agosto: ecco gli eventi in programma

    • Speciale viaggio della biodiversità salentina: al via la prima Marcia del seme

    • Dopo le cure dei volontari del museo tornano in libertà: festa per due tartarughe

    Torna su
    LeccePrima è in caricamento