Rosso di Sera: Bertinotti nel Salento per spiegare la “sua” fine della socialdemocrazia

Il volume dell'ex presidente della Camera dei Deputati sarà presentato a Cavallino: l'appuntamento è per il primo aprile alle 19

Fausto Bertinotti

CAVALLINO – La fine della socialdemocrazia in un volume. Fausto Bertinotti sarà a Cavallino per presentare il suo libro “Rosso di sera”, scritto assieme a Carlo Formenti ed edito da Fuoripista. Bertinotti, già presidente della Camera dei Deputati, sarà nella Galleria del Palazzo Ducale dei Castromediano venerdì primo aprile, a partire dalle  19. Ad aprire la serata saranno i saluti del sindaco di Cavallino, Michele Lombardi e dell'assessore alla Cultura, Gaetano Gorgoni. Dialoga con Bertinotti Alessio Valente, sindaco di Gravina in Puglia, modera Walter Baldacconi, direttore di Studio 100. La presentazione è siglata in collaborazione con Giuseppe Semeraro.

Il tema principale del volume riguarda il ciclo vitale delle socialdemocrazie europee: si è esaurito, assieme al compromesso fra capitale e lavoro seguito alla Seconda guerra mondiale. Una fine causata dall'avvento di un capitalismo sempre più globale e “finanziarizzato”, dal crollo del comunismo, dal trionfo del liberismo e dalle trasformazioni sociali che hanno rotto l'unità delle classi subalterne. Le socialdemocrazie si sono adattate alla nuova realtà trasformandosi in un inedito animale politico: un partito di centro che pesca voti ovunque e si candida a gestire il nuovo ordine liberista.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con la socialdemocrazia tramontano anche le istituzioni della democrazia rappresentativa e l'idea stessa di sinistra, screditata da decenni di compromessi e sconfitte. Nel vuoto politico che viene così a crearsi, crescono movimenti populisti che sostituiscono l'opposizione alto/basso alla lotta di classe. “È pensabile che queste nuove esperienze possano rianimare una lotta anticapitalista che dopo la sconfitta del movimento operaio appare, se possibile, ancora più necessaria? “.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato senza vita il corpo del sub: si era immerso per una battuta di pesca

  • Con una molletta da bucato si "liberava" della droga: scoperto e arrestato

  • Cerca di riparare l’antenna in casa dei suoceri, poi precipita dal tetto: muore un 60enne

  • Giovane leccese aggredisce a pugni e manda in ospedale militare barese

  • Non solo Covid, pronto soccorso preso d’assalto. Medici e infermieri stremati

  • In primavera tornano le formiche: come combattere l'invasione in casa

Torna su
LeccePrima è in caricamento