Sabato 27 luglio - I teatri della Cupa a Campi Salentina e Novoli

Sabato 27 luglio la quinta edizione de "I teatri della Cupa. Festival del teatro e delle arti nella valle della Cupa" prosegue con un una lunga serata di spettacoli

Sino al 1 agosto prosegue la quinta edizione de "I teatri della Cupa. Festival del teatro e delle arti nella Valle della Cupa” dedicato al tema "Apulia Survival Kit". Sabato 27 luglio il festival proporrà con una ricca serata di spettacoli tra Novoli e Campi Salentina. Dalle 21 a mezzanotte (8 spettatori per volta ogni 10 minuti - ingresso 3 euro) sulla terrazza del Palazzo Baronale di Novoli, Animanera Teatro proporrà "Try creampie! Vuoi venire a letto con me?" di Aldo Cassano con Natascia Curci, Giovanni Calella, Benedetta Pati, Angelica Di Pace, Michela Marrazzi, Luca Mannucci, Francesco Martucci, Fabio Tinella, Giuseppe Paiano. Storie di amori diversi, di passioni, di desideri ardenti, travolgenti, totali.

Un “viaggio” attraverso esperienze artistiche e letterarie, dove l’amore viene scandagliato nelle sue pieghe più segrete. Dalle 21 (ingresso 7 euro) nel Teatro Comunale in scena "Il Principino - Breve cronaca familiare da un trivani vista ciminiere", una fiaba drammatica e moderna per gli adulti del nostro tempo di Teatri di Bari con Vito Signorile, Anna De Giorgio e Danilo Giuva per la regia di Damiano Francesco Nirchio. Uno spettacolo che invita ad andare oltre le apparenze e ad abbandonare falsità ed egoismi. In un modesto appartamento di una città del Sud, ad interrompere la solitudine di un vecchio padre, appare un piccolo principe, ormai uomo, che impara a fare i conti con i buchi neri del passato e i limiti e i pregiudizi generazionali. Dalle 22:30, infine, in Piazza Margherita (ingresso libero) #Piano Milonga, in collaborazione con Salentango. I brani più suggestivi attinti dal repertorio d'ascolto e ballabili, nell'interpretazione di Enrico Tricarico, pianista, compositore tra i più apprezzati nel panorama musicale internazionale. Dalle 22:30 (ingresso 7 euro) a Campi Salentina, nel Giardino di Casa Prato, Teatro Zemrude, in coproduzione con Nuovo Cinema Palazzo - ContraBBando, con la prima nazionale de "La camera di Maya" di e con Agostino Aresu in scena con Clio Evans, Ersilia Prosperi (tromba, oggetti e composizioni originali), Daniela Diurisi (sax baritono, suoni e drammaturgia musicale).

Un omaggio a Maya Deren, regista americana di origini ucraine, pioniera del cinema spe-rimentale. Nata a Kiev 100 anni fa è una delle figure più influenti del cinema americano d'avanguardia. Ma è stata anche ballerina, coreografa, poetessa, scrittrice, fotografa ed antropologa. Tra il 1947 e il 1954, Deren ha visitato Haiti tre volte per uno studio appassionato della cultura haitiana e del rituale voodoo, girando oltre 18.000 piedi di filmati originali sulla sua fotocamera Bolex. Il progetto è il culmine del suo studio appassionato del corpo in movimento.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tampona un autoarticolato, donna di 57 anni muore intrappolata

  • Rogo nel negozio per le feste: in manette ex gestore del "Twin Towers"

  • Violento impatto fra due veicoli, ragazza di 19 anni in Rianimazione

  • Cicloturista preso in pieno da un'auto: deceduto dopo il trasporto in ospedale

  • Bimba di 9 anni nel negozio. "Portata in una stanzetta e palpeggiata"

  • Operazione "Vele": mafia, droga e spari, oltre 40 davanti al giudice

Torna su
LeccePrima è in caricamento