“Sulle tracce di Ercole”, escursione e teatro nel giardino megalitico

Giuseppe Semeraro porta in scena "Digiunando davanti al mare" al termine dell'escursione "Sulle tracce di Ercole"

Giuseppe Semeraro.

GIUGGIANELLO – Sarà Giuseppe Semeraro a portare in scena l'opera "Digiunando davanti al mare" al termine dell'escursione notturna "Sulle tracce di Ercole" organizzata da Centro di Cultura a Giuggianello, per il 16 agosto prossimo. Un suggestivo scenario, con i giganti di pietra a fare da cornice d uno spettacolo che si presenterà alla luce della luna ed il chiarore delle stelle, vicino all'impronta lasciata dal gigante così come raccontato da Aristotele.

La figura di Danilo Dolci sfugge a qualsiasi tentativo di classificazione: poeta, intellettuale, pedagogo.  Dopo un breve viaggio in Sicilia decide di ritornarci e di mettersi al fianco degli ultimi, dei diseredati, dei banditi come li chiamava lui stesso. Negli anni Cinquanta organizza e promuove tantissime manifestazioni e scioperi in difesa dei diritti dei contadini, dei pescatori, dei disoccupati.

Il suo attivismo gli valse due candidature a premio Nobel per la pace e il riconoscimento a livello internazionale del suo operare. Sempre in quegli anni con i contadini progetta e realizza una radio clandestina, un asilo, una diga, l’università popolare insieme a tanti progetti culturali. Quello che più mi interessa in questa figura sono le sue qualità umane, il suo grande potere comunicativo e soprattutto la fiducia che sapeva spargere. Il ritrovo è per venerdì alle 20,30 in via Roma, nei pressi del Museo civico di Giuggianello. L’ingresso è gratuito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Droga ed estorsioni, maxi operazione della polizia: 72 ordinanze

  • Agguato in autostrada ai tifosi del Lecce: un mezzo dato alle fiamme

  • Psicosi da Covid-19: falso allarme, ma treno bloccato in stazione a Lecce

  • Malore alla guida, schianto sullo spartitraffico: 25enne in codice rosso

  • Due sinistri di ritorno dal mare: un uomo deceduto, l’altro gravemente ferito

  • Covid-19, chi rientra dalle zone colpite deve comunicarlo ai sanitari

Torna su
LeccePrima è in caricamento