Una nuova App per combattere la dipendenza dagli smartphone

"9seconds": ideata da un gruppo di studenti leccesi di Unisalento

Più di cinquemila euro in meno di un mese e mezzo per finanziare la realizzazione di una app che ha l’obiettivo di… non fare usare le app.

Il progetto si chiama “9seconds” ed è firmato da un gruppo interdisciplinare nato nell’ambito del “Contamination Lab” dell’Università del Salento, un laboratorio per diffondere tra studenti e laureati la cultura imprenditoriale e la capacità d’innovazione. Un successo annunciato per Luca Podo e Benito Taccardi, laureati in Ingegneria dell’Informazione, Alessandro Colonna, dottore in Scienze della Comunicazione, e Davide Margarito, grafico pubblicitario, che hanno visto l’idea diffondersi rapidamente tra pubblico e addetti ai lavori fino al finanziamento al 108% di quanto richiesto attraverso la piattaforma di crowdfunding Eppela. Grazie al cofinanziamento di PostePay Crowd, più di 10mila euro sono adesso a disposizione per la realizzazione della app.

«La soglia di attenzione di un pesce rosso è di 9 secondi. Secondo uno studio condotto da Microsoft in Canada, l’uso eccessivo dello smartphone ha abbassato la nostra ad appena 8 secondi. Non è possibile, ci siamo detti, dobbiamo fare qualcosa». È così che è nata l’idea di “9 Seconds”, spiegano i giovani clabber, una app già pronta in versione test che punta proprio a combattere la dipendenza da smartphone “premiando” gli utenti per il tempo passato offline. Due o più giocatori potranno competere nella sfida di riuscire a non usare lo smartphone il più a lungo possibile. «L’idea, insomma, è quella di mettere in pausa il dispositivo nei momenti in cui è richiesta più concentrazione, come lo studio, il lavoro o quando si è al volante, o nei contesti in cui è preferibile socializzare: quando si esce o quando si mangia in compagnia presso un ristorante, un pub o una pizzeria». Non per niente, tra i sostenitori del progetto anche diverse imprese nel settore della ristorazione, che metteranno a disposizione premi e sconti per gli utenti “vincitori” delle sfide tramite app.

Per l’elaborazione del progetto, il gruppo è stato seguito dai docenti UniSalento Valentina Ndou (mentor nella definizione e nel disegno del modello di business) e Luigi Patrono, e da Pasquale Stefanizzi, esperto in finanza innovativa e consulente finanziario d’impresa, facilitatore didattico del CLab.

«All’interno del Contamination Lab puntiamo sui giovani talenti motivati», sottolinea la professoressa Giusy Secundo, coordinatrice del CLab assieme al Delegato del Rettore alla Ricerca Giuseppe Maruccio, «Le smart technology sono una delle aree nelle quali il CLab punta a sviluppare i progetti innovativi. Nel CLab gli studenti vivono in un ambiente informale, nel quale i docenti diventano mentor e coach del loro percorso. L’adozione di metodologie di apprendimento basate sullo sviluppo di progetti d’impresa, la creazione delle soft skill così fondamentali in tutti i contesti di lavoro, e infine la motivazione e la dedizione dei team di lavoro interdisciplinari sono gli elementi alla base per costruire il futuro dei nostri giovani».

                Sito web: www.9seconds.it

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavoro: le lauree che aiutano a trovarlo

  • Unisalento: incontro di studio il 1° ottobre

  • Alliste, tre giorni di Erasmus day nella scuola Italo Calvino

  • L’attore sociale e di comunità, al via i corsi a Melendugno

  • Scuole di recitazione: come scegliere i migliori corsi

  • Apulia Digital Maker, corsi gratuiti per 3D artist e digital video designer

Torna su
LeccePrima è in caricamento