Centro comunale di raccolta a Frigole: le caratteristiche nell'incontro sul progetto

Non un impianto di trattamento: il sito proposto è uguale a quelli già esistenti, con in più un servizio di economia circolare

Una rappresentazione grafica del centro.

FRIGOLE (Lecce) - L'amministrazione comunale ha presentato nel corso di un primo incontro pubblico, a Frigole, il progetto per la realizzazione di un centro di raccolta rifiuti con annesso servizio per l'economia circolare, in base a quell'orientamento di legge che punta al maggior riuso possibile degli oggetti e dei materiali in modo da ridurre, fino a un teorico azzeramento, il conferimento in discarica.

I tecnici dell'ufficio Ambiente hanno illustrato le caratteristiche del sito, collocandolo in un'area antistante il campo sportivo. Sin da subito è stato chiarito che non si tratta di un impianto di trattamento di alcun tipo, ma solo di raccolta, esattamente come avviene in altri punti del territorio urbano, di materiale diverso da quello che quotidianamente si differenzia nelle utenze domestice e non: oli combustibili, dispositivi elettronici, ingombranti e così via.

Lo scopo dell'iniziativa è anche quello di mettere al servizio dei residenti e dei villeggianti sul litorale un centro adeguato per il conferimento, allo scopo anche di evitare l'odioso fenomeno dell'abbandono che nelle marine è particolarmente diffuso anche per le incursioni dolose di persone provenienti da altri ambiti comunali: l'introduzione della raccolta porta a porta, infatti, ha indotto coloro che non sono in regola con la tassa sui rifiuti a disfarsene creando vere e proprie discariche abusive per ripulire le quali servono poi interventi abbastanza onerosi e da finanziare volta per volta. 

"Come amministrazione siamo convinti che quando l'obiettivo da raggiungere è uno sviluppo più equo e sostenibile, già nella fase di elaborazione e valutazione dei progetti la strada da percorrere deve essere sempre quella di favorire la partecipazione, dando ai cittadini la possibilità di prendere parte attiva nei processi decisionali. Questo porta con sé inevitabili riverberi positivi dal momento che che il contributo di coloro che hanno condiviso questo incontro permetterà di integrare e completare la nostra proposta progettuale", ha dichiarato l'assessora all'Ambiente, Angela Valli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'esponente del governo cittadino ha poi spiegato il carattere innovativo dell'idea, insito nel primo centro per l'economia circolare della città.:"Un luogo in cui i leccesi potranno scambiare o cedere i beni, gli oggetti e i prodotti ritenuti ancora in condizione di poter essere utilizzati. Ciò con l'ambiziosa finalità di perseguire una reale riduzione del quantitativo dei rifiuti prodotti e realizzare una gestione sostenibile dei materiali con la salvaguardia dell'ambiente e la tutela della salute".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una 26enne finisce contro un muretto e muore: secondo dramma in quattro giorni

  • In Puglia 124 nuovi contagiati. Due decessi, uno in provincia di Lecce

  • Medico rientra dal turno e perde il controllo dell’auto: finisce nel canale

  • Nel Salento 54 casi nei due ultimi giorni. Nessuno attribuito capoluogo

  • “Il mostro è arrivato dentro casa”: La Fontanella, sono 31 i contagiati

  • In moto a folle velocità sfugge a tre volanti. “Ero andato a Otranto per un caffè”

Torna su
LeccePrima è in caricamento