Festa dell’albero: Arif dona piante della macchia mediterranea a grandi e piccini

In occasione dell’appuntamento annuale, l’Agenzia regionale per le attività irrigue e forestali donerà esemplari botanici a scuole, cittadini e amministrazioni

Foto di repertorio.

LECCE – Anche per il 2019 torna la festa dell’albero. Per l‘occasione Arif, l’Agenzia regionale per le attività irrigue e forestali, donerà delle piantine di macchia mediterranea a tutti i partecipanti. Scolaresche, autorità e cittadini si ritroveranno anche quest’anno all’interno del vivaio Arif di Viale della Libertà, a Lecce, per la Festa nazionale dell’albero. Appuntamento, come da consuetudine, alle 9 del mattino.

L’incontro in un luogo che il responsabile leccese, Luigi Melissano, definisce “il primo anello nella catena di tutela della biodiversità”, un posto dove si mantiene viva la specificità della flora mediterranea e delle sue essenze arboree. Piantine di carrubo, pino, corbezzolo, timo, bagolaro ed erica, saranno donate ai bambini che le porteranno nelle scuole. Non solo. In occasione della Festa dell’albero, come ogni anno, sono decine i comuni, compreso il capoluogo, cui vengono donati piccoli alberi da piantare nelle aiuole e sui viali. Naturalmente, durante la mattinata di festeggiamenti e nell’arco dell’intera giornata in cui il vivaio resterà aperto, sarà fatto dono di una pianta a tutti coloro che visiteranno la struttura dell’Arif.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un’occasione per ricordare l’importanza dei polmoni verdi nelle nostre città, ma anche il legame ancestrale dell’uomo con gli alberi. Si pensi che nell’antica Grecia la messa a dimore di piantine era occasione di festa per tutta la comunità. In Italia, la prima festa dell’albero venne celebrata nel 1898 per iniziativa dell’allora ministro dell’istruzione Guido Baccelli e fu istituzionalizzata con la Legge forestale del 1923. Nel 1951, inoltre, il ministero dell’agricoltura stabilì che si dovesse tenere il 21 novembre ed ebbe rilevanza nazionale fino al 1979 quando la sua organizzazione fu delegata all’autonomia delle Regioni. Nel 1992 si approvò la norma – tutt’oggi non sempre applicata – che prevede la piantumazione di un nuovo albero per ogni bambino nato. La “giornata dell’albero” ridivenne poi nuovamente di importanza nazionale con una legge del 2010.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’auto finisce nella scarpata: muore 30enne mentre si reca al lavoro

  • Una 26enne finisce contro un muretto e muore: secondo dramma in quattro giorni

  • “Non sopporto più mia moglie, al mare per rilassarmi”. E’ fra i 103 nuovi denunciati

  • Salento, 117 casi positivi. Deceduta 95enne: era ospite in una casa di riposo

  • Puglia, sale a 786 il numero dei contagi. In provincia di Lecce altri 17

  • Medico rientra dal turno e perde il controllo dell’auto: finisce nel canale

Torna su
LeccePrima è in caricamento