Danni alla salute dovuti al 5G: flash-mob contro l’elettrosmog

Sabato scorso, nel centro di Lecce, una protesta di sensibilizzazione sulle conseguenze della nuova tecnologia

Un momento della manifestazione di sabato.

LECCE - Volantini e striscioni anche a Lecce, in occasione della giornata nazionale “Stop 5G”. Appuntamento, sabato scorso, in centro, per un flashmob contro l’emergenza del futuro (imminente): l’elettrosmog.

Alla protesta, organizzata nei pressi di Porta Napoli per sensibilizzare sui gravi danni alla salute legati all’implementazione della nuova tecnologia, ha anche preso parte Veronica Giannone, deputata e firmataria di una interrogazione parlamentare per bloccare il 5G.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'evento è stato organizzato da Isde (International society of coctors for environment) sezione di Lecce, Comitato Lecce Via Cavo e Comitato salute e ambiente. Una ventina di altre città italiane hanno partecipato alla giornata di mobilitazione, che sarà replicata venerdì 21 giugno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo alla Scu: droga ed estorsioni. Scatta il blitz, dieci arresti

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Cede il ponte, travolto da un'auto: 18enne con grave ferita a una gamba

  • Rientrano dal Brasile nel Salento: madre, padre e figlia positivi al Covid

  • Svolta nel caso Mauro Romano: identificato un uomo, sospetto sequestratore

  • Esce in bici e poi telefona alla famiglia: "Mi sono perso". Ore di ansia per un 80enne

Torna su
LeccePrima è in caricamento