Obike: un numero verde per agevolare il ritiro delle ultime bici

Dopo l'interruzione del servizio a causa del fallimento della casa madre, Ciclofficina Popolare Knos sta recuperando i mezzi sparsi in città

LECCE - La polizia locale invita i cittadini a segnalare la presenza di Obike. Il servizio di bike sharing a flusso libero, che era partito con dati di utilizzo molto incoraggianti e che non aveva alcun costo per l'amministrazione comunale, è stato poi interrotto per il fallimento della casa madre che ha sede a Singapore.

L'annuncio è stato dato il 12 ottobre e da allora è iniziato il ritiro dei mezzi a cura della Ciclofficina Popolare Knos di Lecce che si è occupata della logistica e della manutenzione a partire dallo scorso giugno. I cittadini sono pregati di contattare il numero verde 800.84.85.86, oppure di scrivere all'indirizzo poliziamunicipale@comune.lecce.it. Si può anche inviare un messaggio alla pagina fb della Ciclofficina o della polizia locale.

All'appello ne dovrebbero mancare ancora un centinaio su oltre 600 messe a disposizione: a parte gli episodi di danneggiamento, il software che consentiva la geolocalizzazione delle bici non è più efficiente e per questo motivo è stato chiesto il supporto dei cittadini che dovessero notare le Obike nelle strade della città.

Potrebbe interessarti

  • Un traguardo dopo l'altro: Lele dei Negramaro pronto alla 9 chilometri

  • Morso del ragno violino: sintomi, rimedi e cure

  • Uova: quante ne possiamo mangiare e come cucinarle

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

I più letti della settimana

  • Automobile si ribalta fuori strada, muore giovane madre di 33 anni

  • Vino adulterato: undici arresti e quattro aziende sequestrate dal Nas

  • Violento nubifragio sferza il Salento. Strade allagate, centri in tilt

  • Torna il maltempo, allerta arancione: forti temporali attesi a partire da ovest

  • Frontale al rientro dal mare, donna di 38 anni grave in Rianimazione

  • Incendio nel parco di Punta Pizzo. Giallo sul ritrovamento di un cadavere

Torna su
LeccePrima è in caricamento