Ambientalisti salentini al lavoro tra “eco azioni” e “pesca di plastica”

Volontari di varie associazioni hanno ripulito dai rifiuti la provinciale 23 e il litorale adriatico nei pressi di Otranto

Un momento della raccolta dei rifiuti da parte dei volontari.

CAVALLINO – Con una domenica di sole, dalla temperatura che ha rasentato la perfezione, i salentini non hanno scelto soltanto il mare o i tanti eventi. Alcuni di loro, infatti, si sono dedicati alla raccolta dei rifiuti, su strade, campagne e marine del Tacco, per preservarne l’ecosistema. I componenti dell’associazione “Arco, cultura territorio e ambiente” di Cavallino, per esempio, in giornata ha realizzato “l’eco-azione”, autorizzata dal settore Viabilità della Provincia di Lecce.

Una speciale pulizia del tratto stradale ai bordi della provinciale 23, quella che collega il comune messapico a Lecce. “Non possiamo raccontare ciò che abbiamo trovato”, dicono dall’associazione. I volontari, in collaborazione con i “Pollicini verdi agrilododoterra”, con il “Circolo ippico Tempi nuovi” e protezione civile, hanno infatti assemblato circa 60 sacchi di rifiuti indifferenziati e ben dieci bidoni tra vetro e plastica. La “eco-azione” di oggi sarà ripetuta nelle prossime settimane, in altre zone dell’hinterland come Castromediano e le campagne cavallinesi già individuate come aree “sensibili”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alimini, Frassanito e Baia dei Turchi

Un’iniziativa analoga anche sul litorale adriatico, dove l’associazione “Le Pilane” ha preso parte all’evento “A pesca di plastica” nelle zone degli Alimini, di Frassanito e della Baia dei Turchi. Diverse associazioni affiliate alla Fipsas,sezione provinciale di Lecce, hanno aderito per ripulire le coste del Salento. “Per essere appassionati di pesca e amare il mare, bisogna necessariamente avere rispetto della natura e di ciò che ci circonda, speriamo che il nostro piccolo gesto di questa mattina possa sensibilizzare quante più persone. Siamo certi che c’è ancora tanto lavoro da fare, perciò a coloro che abbiamo incontrato o che hanno deciso di aiutarci abbiamo fatto la promessa di rivederci presto per continuare insieme”, dichiarano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato senza vita il corpo del sub: si era immerso per una battuta di pesca

  • Con una molletta da bucato si "liberava" della droga: scoperto e arrestato

  • Giovane leccese aggredisce a pugni e manda in ospedale militare barese

  • Non solo Covid, pronto soccorso preso d’assalto. Medici e infermieri stremati

  • In primavera tornano le formiche: come combattere l'invasione in casa

  • Orrore in casa: tenta di dare fuoco alla moglie con liquido infiammabile

Torna su
LeccePrima è in caricamento