Non solo Coronavirus, controlli sui rifiuti: sanzionati cinque “sporcaccioni”

I carabinieri del Nucleo tutela biodiversità di San Cataldo, nei giorni scorsi, hanno setacciato il litorale leccese e quello di Vernole: sono scattate multe per tremila euro

Foto di repertorio.

ASAN CATALDO (Lecce) – Oltre ai controlli per verificare il rispetto delle restrizioni dovute al Coronavirus, non cessano anche gli accertamenti sugli incivili che inquinano l’ambiente. Al setaccio soprattutto campagne e litoranee, da sempre posto prediletto degli "sporcaccioni".

Sono già cinque i cittadini sanzionati negli ultimi giorni, per un totale di tremila euro di multe elevate. I carabinieri forestali del Nucleo tutela biodiversità di San Cataldo, infatti, hanno intensificato le verifiche contro gli abbandoni di rifiuti lungo il litorale adriatico leccese e quello che ricade nel territorio di Vernole. I militari, guidati dal comandante Leonardo Antonaci, hanno ispezionato tutti i siti teatro di abbandono di rifiuti, di solito aree di notevole pregio naturalistico, come quella de "Le  Cesine".

L’azione è finalizzata proprio ad individuare e sanzionare ogni atto e comportamento contrari alla difesa del suolo, del paesaggio e dell’ambiente e a vigilare sul rispetto della corretta gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani rintracciandone i trasgressori. In diversi casi i militari forniscono anche il necessario ausilio ai cittadini che necessitano di qualsiasi informazione in merito alla corretta gestione e smaltimento dei rifiuti urbani.

I crescenti episodi di abbandono illecito hanno delle ricadute negative dal punto di vista economico anche per le casse dei Comuni, che devono provvedere a smaltire correttamente i rifiuti, in caso di mancata identificazione dei responsabili.

I trasgressori sono soggetti a sanzioni amministrative che vanno da un minimo di 300 euro a un massimo di tremila per l’abbandono di rifiuti non pericolosi. Le multe invece aumentano fino al doppio per scarti pericolosi, oltre al fatto che è prevista una denuncia penale. Ulteriori indagini proseguiranno anche nei prossimi mesi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc a Calimera: medico di base colpisce con calci e pugni un 87enne

  • Nel Salento 54 casi nei due ultimi giorni. Nessuno attribuito capoluogo

  • “Il mostro è arrivato dentro casa”: La Fontanella, sono 31 i contagiati

  • Doppia tragedia: 70enne si lancia nel vuoto. Una donna cade durante le pulizie

  • Alla vista degli agenti, si “rifugia” in mare con la bici: multa al ciclista nuotatore

  • Epidemia da Covid-19: cinque decessi in provincia di Lecce, 18 nuovi casi

Torna su
LeccePrima è in caricamento