Tutela e fruizione de “La Reggia” alla Montagna Spaccata. La Giunta adotta il Piano coste

L’esecutivo di Galatone ha approvato il nuovo Piano comunale delle coste evitando anche il commissariamento. Filoni: “Tuteliamo un territorio incontaminato che sarà anche fruibile”

Il litorale de La Reggia (Galatone)

GALATONE – Verso la definizione e la pianificazione del tratto del litorale ionico che ricade nella giurisdizione di Comune di Galatone e che riguarda da vicino la tutela e la fruizione della costa della zona del La Reggia e sino alla montagna spaccata. La giunta comunale del comune galateo nella sua ultima riunione ha infatti adottato il Piano comunale delle coste, secondo le procedure previste dalla normativa regionale, dando impulso all’iter per la futura approvazione definitiva e di fatto il commissariamento per la stesura dell’importante strumento di regolamentazione urbanistica.

Nei primi diciotto mesi di attività dell’amministrazione retta dal sindaco Flavio Filoni, l’assessore con delega all’Urbanistica e al demanio Daniela Colazzo, ha lavorato per recuperare le criticità e carenze evidenziate sulla prima stesura di Piano delle coste (incontro pubblico con i cittadini del 16 luglio del 2015 ) riallineando le previsioni del piano in funzione della nuova perimetrazione e sulla diversa pericolosità geomorfologica relativa al territorio comunale di Galatone così come definita da Autorità di bacino della Puglia.

“Il Piano redatto dal Comune di Galatone mette al centro la peculiarità del territorio e pone l’attenzione innanzitutto sulla salvaguardia dell’ambiente, disciplinando l’uso delle risorse naturali senza incidere in maniera permanente e senza compromettere la possibilità di fruire di un luogo così incontaminato” spiega il sindaco Filoni, “la funzione pianificatoria dell’atto consentirà uno sviluppo armonioso delle potenzialità dell’area demaniale marittima a disposizione della città, sviluppo che mira a proteggere e valorizzare il meraviglioso tratto di costa ricadente nel territorio comunale”

Le considerazioni ambientali sono state integrate nel Piano per un tratto costiero che si trova lungo il litorale ionico della penisola salentina a nord di Gallipoli compreso tra località “La Reggia” e località “Montagna Spaccata”, tratto di litorale in gran parte costituito da coste rocciose. L’iter dunque ottiene un importante accelerazione per definire poi l’approvazione definitiva da parte della Regione e del consiglio comunale.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • l'importante che nn si dia adito a nessuna forma di speculazione edilizia anche nelle fasce di terreni di fronte al mare che rimanga cosi quel meraviglioso paesaggio uno dei pochi incontaminati del salento se cosi nn fosse credo comunque che si mobiliteranno tutte le associazioni che difendono il nostro salento

  • Chissà perchè, ma quando i politici parlano di piani per la difesa della costa mi si accendono mille luci rosse nella testa.

  • Quante belle parole: tutela del territorio, fruizione... le abbiamo già sentite. Altre concessioni a stabilimenti balneari, Sig. Sindaco?

  • BASTA CHIACCHIERE. La verità è che quel tratto di costa è riservato ad USO ESCLUSIVO del ristorante La Reggia che lo utilizza come parcheggio per i clienti. LE AUTO NON DEVONO SALIRE SULA SCOGLIERA. LA SCOGLIERA VA TUTELATA

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Intercettazioni su Marti, la Giunta della Camera dei deputati si tira fuori

  • Cronaca

    Furti dalla borsa e prelievi, badante infedele sottrae migliaia di euro

  • Cronaca

    Vetri in frantumi di notte: tentativo di furto o vandalismo? Al vaglio i filmati

  • settimana

    Torna il linguaggio mafioso a Parabita: minacce ai commissari e manifesti funebri al candidato

I più letti della settimana

  • Finisce con la Porsche nei campi: muore durante il ricovero giovane imprenditore

  • Accerchiata la masseria dello spaccio. E in una grotta, droga a volontà e un'arma

  • Troppo gravi le ferite, muore in ospedale 25enne ferito in un incidente stradale

  • Attendono il direttore, arrivano i carabinieri: banda colta sul fatto

  • Mercatone Uno, doccia fredda per 256: chiesto concordato preventivo

  • Cocaina, materiale esplosivo e arma in cassaforte: arresti e denunce

Torna su
LeccePrima è in caricamento