Diesel 2019: l'usato a gonfie vele

Ancora una volta questo motore, è la scelta preferita del mercato auto in Italia

Dal Centro Studi di AutoScout24 e dall’Aci arrivano dati interessanti sulle vetture diesel che si confermano ancora una volta la scelta preferita nel mercato dell'usato in Italia.

La quota di mercato dei modelli usati diesel è stata infatti, nel 2019, del 51,1%, con una crescita del 3,3% rispetto all’anno precedente. Dato in netto contrasto con il mercato del nuovo che ha invece registrato un netto calo, con una contrazione del 22,2% rispetto al 2018.

Dai dati raccolti dal Centro Studi di AutoScout24 arrivano inoltre altre informazioni sul mercato dell'usato; la spesa media nel 2019 per l'acquisto di un'auto di seconda mano è stata di 13.715 euro. Dato inferiore a quello di altri Paesi europei. Inoltre la provincia dove si spende di più è quella di Trieste con 15.695 euro. L'età media delle vetture vendute è di 8,2 anni, mentre il modello più richiesto è la Volkswagen Golf.

Concludiamo con alcuni dati relativi al mercato dell'usato delle auto ibride e con alimentazione esclusivamente elettrica. Un mercato ancora di nicchia pari all’1,1% per le auto ibride e allo 0,3% per le elettriche del totale delle auto usate.

Il modello più richiesto tra le ibride è la Toyota Auris, mentre tra le elettriche spicca la Tesla Model S.

Accessori in auto: i prodotti più venduti sul web

Michelin Raschietto per ghiaccio

Spray Antighiaccio Arexons

Liquido lavavetri inverno Arexons

Kit pronto soccorso

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La mappa del contagio: da Unisalento e Asl la foto dei casi per comune

  • Choc a Calimera: medico di base colpisce con calci e pugni un 87enne

  • "Assalto" all'ipermercato per le offerte pasquali: assembramenti, arrivano i carabinieri

  • Coronavirus, muore 40enne positivo. Stretta su Pasqua e Pasquetta: “Nessuna gita consentita”

  • Paura a Lequile: olio bollente sul volto, gravi ustioni per un bimbo di 2 anni

  • Il passo del contagio ancora lento, ma in provincia di Lecce tre decessi

Torna su
LeccePrima è in caricamento