Car pooling, come risparmiare grazie al convetturaggio

Un modo semplice per ripartire le spese tra chi compie lo stesso itinerario

Car pooling Lecce| Condivisione auto tra privati
Un modo semplice per ripartire le spese tra coloro che compiono lo stesso itinerario, o almeno parte di esso. Questo modo di condividere l'uso di un'automobile privata, particolarmente diffuso nel Nord Europa e negli Stati Uniti, ha il fine principale di ridurre i costi in ottica di una mobilità sempre più sostenibile. Negli ultimi anni, visto anche lo sviluppo di piattaforme online dedicate, ha avuto uno sviluppo costante.

In Italia, l'area metropolitana di Torino, insieme a Milano e Roma, è quella dove il car-pooling è praticato maggiormente, anche se andrebbe ulteriormente incentivato, per diffondersi in maniera più capillare e più ampia rispetto ad un pubblico che tradizionalmente è quello di uomini in età tra i 18 e i 34 anni. Il target ideale è quello di studenti universitari o lavoratori che devono percorrere la medesima tratta nella stessa fascia oraria. Il pubblico  femminile è comunque in crescita negli ultimi anni. 

Come funziona il car-pooling 

Nel car-pooling, uno o più dei soggetti coinvolti mettono a disposizione il proprio veicolo, eventualmente alternandosi nell'uso, mentre gli altri contribuiscono con adeguate somme di denaro a coprire una parte delle spese sostenute dagli autisti. 

Il car-pooling, aiutando a riempire gli autoveicoli fino alla loro capienza massima, può aiutare a ridurre il numero di veicoli in circolazione con effetti positivi per la riduzione dell'inquinamento. In questo modo si ha un risparmio economico in termine di costo pro-capite di carburante, olio, pneumatici, pedaggi e costi di parcheggio. Il car-pooling non presenta nessun problema con le normali RC auto in Italia e in moltissimi casi porta a miglioramenti nei rapporti sociali con le persone. 

Ovviamente esiste anche qualche svantaggio: avere un'automobile in condivisione significa ridurre quella flessibilità massima tipica di chi fa un uso individuale del veicolo. Non è ideale per coloro che utilizzano i viaggi come momenti del proprio lavoro. La privacy, nel car-pooling, è penalizzata rispetto alla socialità. Negli ultimi anni, il sistema dei commenti presente su alcune piattaforme, aiuta nel prevedere il comportamento abituale del proprio compagno di viaggio, riuscendo a farci superare il timore di viaggiare con degli sconosciuti. Le applicazioni per smartphone e le piattaforme in rete hanno contribuito ad un incremento incredibile del car-pooling, semplificando notevolmente l'organizzazione dei viaggi, venendo incontro alle esigenze di chi offre un passaggio e di chi lo cerca. In questo modo i dettagli organizzativi del viaggio vengono definiti al meglio: quello che era un car-pooling occasionale, spesso si trasforma in una pratica di convetturaggio continuata.

Alcune piattaforme di car pooling

  • BlaBlaCar Il sito mette in contatto conducenti e passeggeri. Chi guida segnala la destinazione, i posti liberi in auto e fissa un prezzo per il viaggio. Chi cerca un passaggio può scegliere tra le diverse offerte disponibili. L'opzione Viaggio rosa permette di viaggiare tra sole donne. Un sistema di feedback da parte degli utenti permette di rendere il servizio il più affidabile possibile. Sul sito è disponibile anche l'app di BlaBlaCar per iOS e Android. 
  • Jojob  Il portale web in grado di selezionare colleghi della propria azienda, o di aziende limitrofe, per condividere il tragitto casa-lavoro. E' possibile selezionare le persone più affini al proprio tragitto (con gli stessi orari, giorni degli spostamenti, mezzi di trasporto utilizzati) ed aggiungerli in una propria rubrica. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tampona un autoarticolato, donna di 57 anni muore intrappolata

  • Rogo nel negozio per le feste: in manette ex gestore del "Twin Towers"

  • Violento impatto fra due veicoli, ragazza di 19 anni in Rianimazione

  • Cicloturista preso in pieno da un'auto: deceduto dopo il trasporto in ospedale

  • Bimba di 9 anni nel negozio. "Portata in una stanzetta e palpeggiata"

  • Operazione "Vele": mafia, droga e spari, oltre 40 davanti al giudice

Torna su
LeccePrima è in caricamento