Attraversamenti pedonali fuori norma. Lavori di adeguamento per oltre 200

Aggiudicata la gara per mettere fine a una situazione di irregolarità diffusa, segnalata per anni dalle associazioni dei consumatori. Nel progetto anche opere per il superamento delle barriere architettoniche

Attraversamento via IV novembre, incrocio via Costadura

LECCE – Sono 212 gli incroci stradali direttamente interessati dall’adeguamento alle norme del Codice della strada che partirà all’inizio del 2019. Le associazioni dei consumatori hanno insistito per anni sulla questione della messa in sicurezza degli attraversamenti pedonali in corrispondenza di intersezioni non semaforizzate. La norma, del resto, è chiara: in presenza di un segnale di stop, le strisce bianche non possono essere poste a meno di cinque metri dall’incrocio. Eppure per molti anni la segnaletica orizzontale è stata realizzata in maniera del tutto difforme dalle prescrizioni.

Il progetto esecutivo prevede, anche grazie alle proposte migliorative, il superamento delle barriere architettoniche, con la costruzione di nuove rampe aderenti al rifacimento dell’attraversamento, il posizionamento di 250 “occhi di gatto”, cioè indicatori rifrangenti, l’apposizione di 610 transenne di protezione per i pedoni, la realizzazione di cinque attraversamenti luminosi, di sistemi di segnalazione acustica e prenotazione per non vedenti in dieci passaggi pedonali, due sistemi di illuminazione lampeggianti in corrispondenza di altrettanti attraversamenti, tappetini di usura con asfalto fonoassorbente su dieci incroci per mille metri quadrati, percorsi pedonali per bambini in prossimità di dieci scuole. Previsto anche un attraversamento rialzato in via San Pietro in Lama per facilitare l’accesso al parco.

Tra le vie interessate: Manzoni, Argento, Stampacchia, Di Pettorano, Calabria, Costadura, De Pietro, Boccaccio, Micheli, Petrarca, Elmo, Tasso, XXIV maggio, Piave, Ariosto, D’Annunzio, IV Novembre, Maggiore Galiano, Giusti, di Porcigliano, piazza verdi, Imperatore Adriano, Parini, Simini, del Mare, Congedo, Battisti, Costa, XXV luglio, Salandra, Trinchese, Oberdan, 140esimo Reggimento Fanteria, Bacile, 95esimo Reggimento Fanteria, Cavallotti, Marconi, Capitano Ritucci, Campania, Foscarini, Schipa, Gentile, San Lazzaro, Regina Elena, Orsini del Balzo, Torre del Parco, don Minzoni, viale Otranto, Cavour, viale Lo Re, XX settembre, Pantelleria, via Leuca.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • e che dire delle strisce blu, quindi con parcheggio a pagamento immediatamente a ridosso degli incroci, quando il codice della strada vieta la sosta a meno di 5 metri dall'intersezione? Se non ci sono le strisce blu e parcheggio all'incrocio mi "dovrebbero" multare, ma se pago sono in regola!!! e chi se ne frega se poi si fa l'incidente per mancata visuale...

  • Solo i passaggi pedonali? Tutta la segnaletica orizzontale sarebbe da rifare, come quella verticale con segnali arrugginiti, poco visibili o deformati. Le corsie di canalizzazione sono un optional, ognuno si crea la propria e i più furbi procedono a zig zag.

  • Caspita, sarebbe bello....se si facesse.

  • sono ANNI che è così, perrone aveva promesso di sistemarle....abbiamo visto. Inoltre c'è un altro problema. In presenza di incrocio semaforizzato, quando è verde per i pedoni è verde anche per chi gira a DX. Solo che le strisce sono talmente vicine all'incrocio che il conducente che effettua la svolta a dx non ha tempo di vedere il pedone che attraversa. Inoltre MOLTI incroci del genere sono OSTRUITI dalle cassette dell' ENEL piazzate ad ostruire la vista. Via GENTILE per esempio. Per chi viene dalla farmacia e con continua verso VIALE ROSSINI, a quell 'incrocio chi gira a DX non ha visuale, non può vedere il pedone che attraversa. Difatti in quell'incrocio ci sono stati vari sinistri tra pedoni ed auto.

  • irregolarità diffusa avallata da amministrazioni che pur di rendere anche un solo centimetro in più di strisce blu, mettevano le strisce pedonali in prossimità degli incroci per fare quanto più cassa possibile.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Arrestato dopo il colpo in banca da 11mila euro: era evaso dai domiciliari

  • Attualità

    Prodotti a base di canapa, lo sgomento della dirigente del Banzi-Bazoli

  • Politica

    Strade periferiche e zona industriale: bonifica speciale dai rifiuti abbandonati

  • Cronaca

    Operazione "Offside", la Cassazione: mancano i gravi indizi per Coluccia

I più letti della settimana

  • Sesso e regali per favori e processi: in arresto un pm, dirigenti sanitari e avvocata

  • Sesso con il pm per avere vantaggi, l'avvocatessa sotto torchio per un'ora

  • Forte boato squarcia il Nord Salento. L'Aeronautica: "Un bang sonico"

  • Inchiesta "sesso & giustizia", il pm in carcere interrogato oltre un'ora

  • Scontro fra auto e moto sulla strada per il mare, centauro in ospedale

  • Inchiesta sesso&giustizia, Altavilla: “Triste pagina, ma indagine non è condanna”

Torna su
LeccePrima è in caricamento