"Aeroporti di Puglia, un bando che affossa il Salento"

Dalla Provincia ferme proteste del presidente Pellegrino e dell'assessore Manieri: "Collegato solo il city terminal di Lecce: Otranto, Gallipoli e Leuca trascurate per favorire realtà pugliesi minori"

aereo-2
Ed il Salento proprio non decolla. Le polemiche proseguono da tempo, ed è un vero e proprio fronte politico trasversale quello che s'è formato negli ultimi tempi. Le lamentele fioccano da destra, dal centro e anche da sinistra, non ultime quelle del presidente della Provincia Giovanni Pellegrino e dell'assessore provinciale al Turismo e marketing territoriale Maria Rosaria Manieri.

"Il bando di gara di Aeroporti di Puglia per l'affidamento dei collegamenti degli aeroporti pugliesi con i capoluoghi di provincia e le aree regionali a maggiore attrazione turistica contiene una macroscopica penalizzazione del Salento", - accusa Maria Rosaria Manieri. "Mentre si collegano giustamente Bari e Brindisi con località turisticamente importanti come Castellana Grotte, Alberobello, Ostuni, Castel del Monte, Trani, Vieste, ma anche con altre località di minore affluenza turistica, come Monopoli, Altamura, Barletta, per il Salento il collegamento è previsto solo ed unicamente con il city-terminal di Lecce: non è previsto alcun collegamento con località quali Gallipoli, Otranto e Santa Maria di Leuca che sono un pezzo forte del turismo non solo salentino, ma pugliese".
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dello stesso tenore il presidente Pellegrino, "con il quale ci siamo immediatamente attivati", spiega l'assessore e senatrice. "Venerdì prossimo incontreremo a Lecce il presidente di Aeroporti di Puglia, Domenico De Paola. Per il momento esprimiamo il nostro, più che legittimo dissenso a scelte di cui ci sfugge la logica, fermo restando che la Provincia si riserva di adire a doverose azioni di tutela del proprio territorio, qualora non si possa risolvere altrimenti questa che riteniamo una manifesta ingiustizia, che rende più duro e difficile il lavoro che imprenditori e istituzioni stanno facendo con risultati che pongono il Salento in cima ai territori turistici della Puglia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si scontra con un'auto e vola dalla bici, grave un 11enne

  • Mistero a Nardò: dopo la cena con marito e figli scompare nel nulla

  • In acqua per fare snorkeling, annega mamma 44enne in vacanza

  • Auto reimmatricolate in Italia con documenti falsi: un salentino nei guai

  • Malore mentre si trova in acqua: riportato a riva, ma ormai senza vita

  • Paura sulla tangenziale: ragazza perde il controllo e finisce sul guardrail

Torna su
LeccePrima è in caricamento