Alghe nella darsena di San Cataldo, da martedì le operazioni di rimozione

Un primo intervento In attesa dei lavori di manutenzione, ammodernamento e ricostruzione che partiranno dopo la stagione estiva

LECCE – Cominceranno martedì mattina gli interventi di rimozione, vagliatura, trasporto e smaltimento dello strato superficiale della biomassa vegetale spiaggiata (macrofite e alghe) accumulatasi nella darsena di San Cataldo. In attesa dei lavori di manutenzione, ammodernamento e ricostruzione della darsena che partiranno dopo la stagione estiva ad opera del settore comunale dei Lavori pubblici, vi è un primo intervento da parte dell’A

assessorato all’Ambiente con un progetto a cura dei tecnici dell’ufficio ambiente finalizzato a scongiurare le problematiche di carattere igienico sanitarie che, a causa delle elevate temperature, potrebbero essere innescate per via dello strato vegetale che sta marcendo ed è fonte di odori nauseabondi.

L’intervento, preceduto da un piano della caratterizzazione del materiale eseguito precedentemente da dalla Re.Chem.An. di San Pietro Vernotico, sarà curato dalla ditta Mello e avrà un costo di 22mila euro. In particolare vi sarà la rimozione dello strato superficiale (circa 20 centimetri) di biomassa vegetale galleggiante dall’area della darsena. Poi il deposito del materiale dragato presso un sito di accumulo temporaneo individuato all’interno dell’area della darsena; la lavorazione del cumulo (vagliatura manuale e meccanica ai fini della rimozione di eventuali rifiuti antropici); e infine il trasporto (al massimo entro 72 ore) presso il sito di smaltimento, ovvero l’impianto di compostaggio. 

“La darsena di San Cataldo è stata chiusa tempo fa a causa di un contenzioso e successivamente è stato redatto un progetto per il suo rifacimento – commenta l’assessore Andrea Guido –. Da notizie assunte risulta che la commissione aggiudicatrice dell’appalto ha concluso le procedure ed i lavori dovrebbero avere un concreto inizio subito dopo la stagione estiva. Andando a sbloccare anche la difficile situazione che da tempo vivono i 70 pescatori che usufruivano della struttura e che si sono ritrovati impossibilitati a praticare la loro attività. È a queste persone che il mio pensiero è rivolto, prima di tutto. Alla loro difficile situazione e a quella che le loro stesse famiglie hanno dovuto subire. Oggi però il mio assessorato ha dovuto affrontare anche l’urgenza igienico sanitaria e ha dovuto fare i conti con la tempistica di una stagione estiva già avviata”.

“A causa della mancata manutenzione dei canali –continua Guido – si era accumulata una enorme quantità di posidonia che nella parte superficiale rispetto al livello dell’acqua è andata in putrefazione determinando, a causa delle alte temperature, miasmi ed odori nauseabondi. Le alghe si sono ammucchiate sul fondale e ormai affiorano a pelo d’acqua, e nei momenti di bassa marea sembra quasi ci si possa camminare sopra. Il materiale organico che andremo a rimuovere è stato nei giorni scorsi già oggetto di caratterizzazione ed è stata confermata la possibilità del suo riutilizzo per la produzione di compost previo allontanamento della sabbia dalla matrice vegetale. Per i motivi detti il materiale algale sarà adagiato solo ed esclusivamente per il tempo occorrente ad abbattere salinità e sabbia delle alghe sulla piattaforma cementizia adiacente il canale della darsena, all’interno del recinto di proprietà comunale. I cattivi odori, quindi, potrebbero persistere per altri tre giorni, ma è un passaggio obbligatorio. Ci vuole solo un altro po’ di pazienza”.

Potrebbe interessarti

  • Un traguardo dopo l'altro: Lele dei Negramaro pronto alla 9 chilometri

  • Morso del ragno violino: sintomi, rimedi e cure

  • Uova: quante ne possiamo mangiare e come cucinarle

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

I più letti della settimana

  • Vino adulterato: undici arresti e quattro aziende sequestrate dal Nas

  • Automobile si ribalta fuori strada, muore giovane madre di 33 anni

  • Violento nubifragio sferza il Salento. Strade allagate, centri in tilt

  • Torna il maltempo, allerta arancione: forti temporali attesi a partire da ovest

  • Frontale al rientro dal mare, donna di 38 anni grave in Rianimazione

  • Incendio nel parco di Punta Pizzo. Giallo sul ritrovamento di un cadavere

Torna su
LeccePrima è in caricamento