Incontro sulla 275: nuova soluzione a minor impatto per il secondo lotto

Terzo incontro fra Anas e vari enti locali, fra cui Regione e Provincia. Presentati la revisione del progetto, gli studi di traffico ed i primi elaborati planimetrici. Polemica del legale di Coedisal-Matarrese

LECCE – Conservare l’impostazione originaria del tracciato del primo lotto, da Maglie a Montesanto Salentino e  salvaguardia ambientale e minor impatto per il secondo. Sono i due punti salienti emersi nel terzo incontro tecnico sull’adeguamento della strada statale 275 Maglie-Leuca, che s’è svolto oggi presso la sede della Provincia di Lecce. Il nuovo incontro è stato voluto da Anas per fare il punto della situazione sull’annosa vicenda e sulle prossime scadenze, con una revisione di progetto e la presentazione degli studi di traffico e dei primi elaborati planimetrici.

PRIMO LOTTO - Dunque, per quanto riguarda il tratto da Maglie a Montesano, come s’è detto, l’idea è di mantenere l’impianto iniziale, procedendo con l’adeguamento dell’attuale sede della statale e mantenere la sezione a doppia carreggiata (cioè, a quattro corsie). Si tratta di una revisione che, secondo quanto riferisce l’Anas, recepisce già le prescrizioni e le indicazioni rilasciate dai vari enti nelle precedenti fasi autorizzative.

SECONDO LOTTO - Per il secondo lotto, invece, attraverso project review, l’Azienda nazionale autonoma delle strade ha presentato una nuova soluzione. Questa è stata partorita nell’ottica di un minor consumo del territorio e, di conseguenza, per tutelare gli ulivi e le peculiarità dell'ambiente circostante.

Analizzando i dati di traffico, inoltre, il secondo lotto si dovrebbe sviluppare con una sezione a singola carreggiata, cioè a due corsie, utilizzando ed adeguando, in particolare, la viabilità locale esistente ad est dell'abitato di Tricase. Il progetto dovrebbe consentire anche di salvaguardare il corridoio non urbanizzato, a ovest di Tricase.

E, stando a quanto riferisce Anas, sempre per limitare l’impatto sul territorio, il tracciato procederà verso sud affiancando la linea delle Ferrovie del Sud–Est, con un’unica carreggiata fino a Leuca.

PREVISTI NUOVI INCONTRI - All’incontro di oggi con i rappresentanti di Anas erano presenti, fra gli altri, il presidente della Provincia, Antonio Gabellone, e l’assessore alle Infrastrutture e mobilità e Lavori pubblici della Regione Puglia, Giovanni Giannini, oltre ad alcuni Comuni.

Accoglienza sostanzialmente positiva hanno avuto le soluzioni illustrate. E ora, agli altri enti interessati dall’intervento, sarà inoltrata una planimetria del tracciato, per esaminare caso per caso. Gli incontri proseguiranno, con il coordinamento della Regione, per affrontare  di volta in volta i vari temi progettuali, in modo da arrivare a una condivisione globale del progetto.

LA POLEMICA - Ma l’associazione temporanea di imprese Matarrese-Coedisal non ci sta a ritenere archiviata la gara per l’affidamento dei lavori della 275 e in una dichiarazione a margine della riunione, l’avvocato Pietro Quinto, difensore del raggruppamento, rileva come anacronistica l’iniziativa della Regione, alla quale Anac ha contestato formalmente, con una deliberazione inviata alla Corte dei conti ed alla Procura, l’omesso tempestivo controllo sulla gestione della gara.

"Non è altresì ipotizzabile – continua il legale – che, in pendenza del nuovo contenzioso causato dalle improvvide iniziative di Anas, si metta mano ad un nuovo progetto, e, addirittura, alla messa a gara di un primo lotto di un nuovo progetto definitivo inesistente".

"L’ati Matarrese-Coedisal annuncia infatti che impugnerà innanzi al Consiglio di Stato l’annullamento della gara, rivendicando la persistente validità della sentenza dei Giudici di Palazzo Spada del 2014, che stigmatizzarono le “macroscopiche illegittimità” commesse dalla stazione appaltante ai danni dell’Ati. Tutto ciò non solo nell’interesse proprio - prosegue -, ma altresì delle popolazioni del Capo di Leuca, poiché è evidente, ed è stato dichiarato in atti ufficiali, l’intendimento di Anas di non realizzare l’intero tracciato stradale, già definito come opera strategica di interesse nazionale, ma che negli atti impugnati si afferma dal presidente di Anas non più rispondente ad un interesse pubblico attuale".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Roma vuole mantenere Leuca nel 3^ mondo....a Otranto costruisce una 4 corsie, il porto e il twinga??? Sicuri che la strada non la voglia l'anas?? A Otranto c'e' gente "grossa".

  • Avatar anonimo di John
    John

    Bisognerebbe anche METTERE IN SICUREZZA il tratto Maglie-Lecce che tra incroci a raso, costruzioni ai margini con Stop e assenza della corsia di emergenza non ho capito come possa ancora rimanere aperta all'utenza. Non a caso periodicamente qualcuno distratto va contromano! Il tratto finale bisognerebbe farlo come era previsto, la strada parco va bene per gli zoo, sbattere contro un ipotetico muretto a secco è peggio di un buon Guard rail. Le strade a due corsie tendenzialmente permettono le infrazioni più assurde, se bisogna salvare vite umane (credo che l'allargamento nasca PER QUESTO SCOPO ) servono 4 corsie. Se dobbiamo mostrare il paesaggio turistico non serve nulla, bastano e avanzano le strade di campagna piene di discariche a cielo aperto.

  • Finalmente qualcuno si accorge che ad est di Tricase c'è una strada moderna e sicura che porta fino a Tiggiano, e, con qualche modifica, fino a Gagliano. Trattasi della cosiddetta "Cosimina" dal nome del purtroppo scomparso prematuramente Presidente della provincia tricasino che più di 30 anni addietro la volle. Il territorio e l'ambiente non possono essere lasciati ai desiderata delle imprese causidiche, ma devono seguire la razionalità e gli interessi delle popolazioni.

    • ahahahah strada sicura? in 30 anni ci sono stati dei morti su quella strada ! anche se per qualcuno 2 morti sono pochi per etichettarla come strada pericolosa. Oltre a questo la Cosimina non e a norma ne con le corsie di accelerazione ad esempio chi si immette venendo da tricase porto si trova sulla carreggiata senza neanche accorgersi e se si viene da Marina serra non puo andare direttamente verso tiggiano se non arrivando alla rotatoria del cimitero , ma molti non lo fanno e ci fanno una bella inversione a U da ritiro patente per non parlare degli attraversamenti da zona draghi a via vecchia depressa ecc ecc :(( delusione se si lascia così

    • E quella sarebbe una strada sicura? Che se per chi proviene da leuca il primo accesso per tricase sta dopo il secondo ponte e in molti si azzardano a prendere le uscite che servono invece per chi proviene dalla direzione opposta e senza parlare che da alcuni accessi ogni tanto esce qualche mezzo lento

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Sui barconi per una nuova vita, poi schiavizzate e costrette a prostituirsi: 5 arresti

  • Cronaca

    Una biologa rinviene un sacco sulla scogliera: all’interno 9 chili di marijuana

  • Cronaca

    Notte di terrore: piombano in casa di anziana allettata, strattonata la badante

  • Politica

    Perrone, la seconda lettera è per Salvemini: "Li leccesi nu su fessa"

I più letti della settimana

  • Dal sushi al "tradimento", il post al vetriolo di Perrone contro Delli Noci

  • Salvemini, c'è l'accordo: in caso di vittoria Delli Noci sarà vicesindaco

  • Il peso delle liste e i voti al sindaco eletto: l'anatra zoppa curata dal Consiglio di Stato

  • Analisi di un patto: fra accuse di inciucio e sostegno incondizionato

  • Niente domiciliari per Monosi, ma confermata l'interdittiva

  • I consiglieri eletti con Delli Noci: “Emissari di Giliberti per convincerci”

Torna su
LeccePrima è in caricamento