Sogno o son "destro"? Un’armata Brancaleone per scongelare la sinistra

A pochi mesi dalle elezioni non c'è un programma e nemmeno un candidato. Con un Pd dilaniato e altri gruppi autoreferenziali, M5S e destra brindano già

Foto di Filippo Montinari.

LECCE –  Ora all’appello manca solo il centrosinistra, o sinistra, o come volete voi. Il M5S ha individuato in Fabio Valente il suo candidato dopo una competizione interna non priva di dissidi; Alessandro Delli Noci ha scelto di dismettere i panni dell’assessore per intraprendere un percorso autonomo ma aperto a convergenze "nuove"; il centrodestra, superando forti frizioni, ha trovato la quadra sul giornalista Mauro Giliberti e si prepara e dispiegare le sue truppe.

L’attuale latitanza del fronte chiamiamolo con un eufemismo “progressista”, ha del clamoroso e allo stesso tempo del patologico. Clamoroso perché, visto da fuori, è impensabile che una coalizione che comprende il Pd che è l’azionista di riferimento del governo nazionale non abbia la capacità organizzativa e strategica per indicare una direzione verso l’alternativa ad una maggioranza che gestisce la città da circa venti anni, più o meno con gli stessi protagonisti. Patologico perché dipende in gran parte dall’involuzione tribale di un partito immobilizzato da lotte intestine senza esclusioni di colpi che hanno distolto i suoi principali esponenti, salvo rarissime eccezioni, da qualsiasi contatto con la città reale, le sue esigenze, le sue ambizioni.

La situazione leccese presenta addirittura delle degenerazioni rispetto a quella nazionale, dove pure il conflitto tra Renzi e la minoranza è incessante, e pare, oggi, senza vie d’uscita credibili. Dai movimenti alla sinistra del Pd, peraltro, non vengono segnali incoraggianti, anche questi preda di logiche autoreferenziali che l’esiguità dei numeri rende davvero incomprensibili: che se ne farà la città che non vota a destra di candidature dichiaratamente di bandiera, è un mistero che trova qualche spiegazione solo nel narcisismo.

E’ il Pd che porta sulle spalle, ma forse nemmeno lo sente, il peso di questa dolorosa e frustrante frammentazione. Nel corso degli anni ha avuto delle occasioni per aprire una nuova fase della vita politica cittadina, ma è mancato di coraggio e di generosità: l’ultima è stata nel 2012, quando con Loredana Capone preferì vincere a tutti i costi, e per mere logiche interne, le primarie contro Carlo Salvemini, che per una serie di ragioni politiche e personali sarebbe stato molto più attrattivo ed efficace in funzione anti Perrone, per poi finire asfaltato alle amministrative.

Acqua passata oramai, ma i danni restano tutti anche perché dopo il partito si è sostanzialmente incartato in una guerra per la segreteria provinciale che ha paralizzato ogni altra iniziativa. E non può bastare un gruppo consiliare a tenere alta la bandiera e a riportarla nei quartieri dove il consenso per la destra è da tempo su percentuali bulgare.

Questo, in sintesi, è il quadro. Come se ne esce è invece il problema, anzi l’incubo per chi non si rassegna a vedere in Lecce una roccaforte del conservatorismo. C’è un bivio all’orizzonte: da una parte una strada che porta a una autoconsolatoria e riparatoria candidatura di ceto, che sia propriamente politico o delle professioni (la cosiddetta società civile); dall’altra una scelta di rottura, probabilmente folle: quella di rinunciare al primato dei partiti, già di fatto archiviato, e di lasciare il campo libero a un movimento generazionale non compromesso dalle dinamiche laceranti e autolesionistiche dei soggetti politici attivi e indipendente rispetto al paludoso tessuto cittadino, che tutto risucchia, conformando alla propria forma mentis indolente e consociativa anche buona parte dei luoghi e dei gruppi sociali cui spetterebbe il compito di costruire un’alternativa concreta .

Un gruppo di “volontari”, incardinato su volti presentabili e competenze riconosciute, che sovverta tutte le regole finora seguite: quelle dei tavoli, dei permessi, dei veti incrociati; che si formi attraverso incontri pubblici e che si presenti alla città, senza sponsor, con una squadra già definita e con un programma che dia il senso di una prospettiva a medio termine, di una speranza da coltivare

Un’armata Brancaleone, colorata e sgangherata, che esprima il dinamismo e la disinteressata intraprendenza di chi si è fatto largo da solo, che ragioni con la propria testa e non in funzione di una briciola di tornaconto, che riporti al centro del discorso le persone comuni che a migliaia di sono allontanate non perché non abbiano una visione politica ma perché la politica manca di visione. Anche e soprattutto a Lecce.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mentre quindi il centrosinistra ufficiale sembra oramai "condannato" a trovare un candidato, quel che sia, la sinistra sociale e civile, se ancora esiste in questa città, deve smettere di delegare l’iniziativa e giocare d’azzardo, andare allo sbaraglio per sparigliare il campo. Non c’è nulla da perdere, in fondo. Se qualcuno è interessato che si faccia avanti: sarebbe il più lodevole gesto di premura verso la città intesa come bene pubblico, perché una competizione elettorale senza una sinistra degna di tal nome è un insulto alla democrazia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato senza vita il corpo del sub: si era immerso per una battuta di pesca

  • Incidente sul lavoro, muore a 35 anni schiacciato da una macchina saldatrice

  • Intervento di riduzione dello stomaco, muore in casa dopo un malore

  • Con una molletta da bucato si "liberava" della droga: scoperto e arrestato

  • Cinque tamponi positivi al Covid-19, due per residenti in provincia di Lecce

  • Cerca di riparare l’antenna in casa dei suoceri, poi precipita dal tetto: muore un 60enne

Torna su
LeccePrima è in caricamento