Su spiaggia pubblica basi di cemento per ombrelloni. E il posto è assicurato

Da Spiaggiabella l'assessore all'Ambiente, Carlo Mignone, segnala una pessima consuetudine, diffusa peraltro anche in altre marine del Salento

Una delle foto postate dall'assessore Mignone.

SPIAGGIABELLA (Lecce) - Pretendono che l'amministrazione comunale tenga la spiaggia pubblica sia sempre in ordine, ma poi la gestiscono come una cosa privata lasciando in maniera permanente dei basamenti di cemento per piantare gli ombrelloni.

E sembrano anche non accorgersi che si tratti di un abuso nei confronti della libera fruizione e di una potenziale causa di danneggiamento dei mezzi meccanici utilizzati per la pulizia. L'assessore all'Ambiente del Comune di Lecce, Carlo Mignone, ha diffuso delle fotografie scattate a Spiaggiabella, marina leccese, nelle quali si vedono una dozzina di blocchi piazzati uno accanto all'altro sul demanio pubblico.

L'esponente della giunta ha assicurato che, se non vi provvederanno gli stessi responsabili (villeggianti del posto o, magari, noleggiatori di attrezzature), i basamenti a breve saranno rimossi dal nucleo dell'ispettorato edilizio. L'iniziativa di Mignone di rendere pubblica la situazione è stata condivisa dalla sua collega Rita Miglietta, che ha la delega all'Urbanistica e che ha ricordato una cosa che dovrebbe essere abbastanza semplice: "Non si posano in spiaggia filari di basamenti in cemento per alloggiare ombrelloni. Nulla in spiaggia si può installare senza autorizzazione".

Lecce del resto è anche questo, il Salento è anche questo come testimonia la notizia di qualche settimana addietro nata da una comunicazione del Comune di Porto Cesareo e una recente segnalazione giunta da una frequentatrice della cittadina rivierasca. Intanto questa mattina sono proseguite le operazioni di pulizia dell'arenile, a San Cataldo (lungomare e Ponticello) con i mezzi meccanici e a Torre Rinalda manualmente, come deve avvenire in tutta l'area ricadente nel parco Paludi e Bosco di Rauccio. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Che aspetta il Conune a rimuovere i blocchi ed a multare gli autori?

  • Correggo: linguaggio E la struttura. L'accento è colpa del t9????

  • La recente segnalazione è stata fatta da me...Condividetela sui vostri profili, affinchè non passi inosservata. Mi scuso per il linguaggio è la struttura poco consone per un articolo di giornale, ma non sono una giornalista. Cerchiamo tutti insieme di far accendere i fari su tale brutta consuetudine, da quattro soldi. Nel nostro piccolo, potremmo farcela. #il"tuo"postoèancheilMIO

  • Medioevo......!!!! Altro che turismo di lusso.....

  • Furbetti da quattro soldi.

  • Coraggio, si chiudano gli occhi un altro po' e finisce la stagione.

    • Tu devi essere uno di quelli

Notizie di oggi

  • Nardò

    Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

  • Nardò

    Ladri tentano la spaccata nell’area di servizio: qualcosa va storto e scappano

  • Politica

    Tap, xylella, trasparenza: il candidato del M5S tra i nodi irrisolti e le sfide del futuro

  • Cronaca

    Spacciatore fugge e va a prendere il sole: incastrato dalla suoneria del telefono

I più letti della settimana

  • Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Esalta il fisico con gli abiti giusti

  • Far West vicino alla banca: spari in aria, rapinati 35mila euro

  • Intonano cori da stadio a Pescara, leccesi aggrediti. Uno accoltellato

  • Malore improvviso, cameriere cade e batte la testa: in codice rosso

Torna su
LeccePrima è in caricamento