Bellanova col comitato "No Tap": "Il gasdotto non può approdare a San Foca"

La candidata alla Camera del Pd sottolinea le caratteristiche del territorio che non lo rendono idoneo ad ospitare l'infrastruttura: "Già in passato sottovalutato l'impatto della mano dell'uomo sui delicati equilibri della natura"

MELENDUGNO - "Assolutamente condivisibili". Definisce così le ragioni del comitato "No Tap" rispetto al progetto del gasdotto l'esponente del Pd salentino, Teresa Bellanova, dopo un confronto avuto con i rappresentanti, domenica scorsa a San Foca. La candidata alla Camera dei deputati ritiene che il gas, anche se esauribile, attualmente sia ancora indispensabile per svincolare il sistema energetico italiano dal petrolio.

"L'idea del gasdotto dall'Azerbaijan all'Italia - spiega - nasce da una duplice esigenza: evitare le sospensioni della fornitura che negli ultimi anni sono state causate dai contrasti tra Russia e Ucraina; sganciarsi, per quanto riguarda l'approvvigionamento del gas, dal 'monopolio' Gazprom per puntare invece sui giacimenti del Mar Caspio e in particolare quelli azeri. Fatta salva, quindi, l'utilità dell'opera, ritengo che la scelta dell'approdo a San Foca sia assolutamente da rivedere".

A rendere sconsigliabile questa localizzazione sarebbero la conformazione idrogeologica, il patrimonio artistico e naturale, la vocazione turistica del territorio, visto che sull'Adriatico esistono altre aree più idonee: "Già troppo spesso in passato - evidenzia - è stato sottovalutato l'impatto della mano dell'uomo sui delicati equilibri che la natura ha impiegato milioni di anni per costruire. Di quelle sottovalutazioni sono già stati pagati cari prezzi e ancor di più rischiamo di doverne pagare, noi e soprattutto chi verrà dopo di noi".

Bellanova ricorda, da ultimo, il crollo del costone di Sant'Andrea, "a promemoria sulla fragilità della costa": "Penso - aggiunge - che un indispensabile cambiamento di coscienza rispetto a queste tematiche richieda una valutazione più approfondita anche nel caso della Tap. Non è mai stato mio costume fare promesse, ancor meno in campagna elettorale, posso assolutamente garantire però il mio totale impegno affinché le istanze di modifica di questa scelta ricevano la dovuta attenzione da parte del prossimo Parlamento e del prossimo governo".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Visto che la Bellanova rappresenta il partito che sponsorizza il gasdotto TAP tutto questo può essere solo uno spot elettorale. Non il PD il partito di D'Alema il cui braccio economico Roberto de santis cercava di convincere Berlusconi prenotando escort tramite tarantini? Non è il TAP il gasdotto a cui De Santis voleva arrivare investendo nelle rinnovabili in Puglia finite con una truffa da 560 milioni di € ai danni del colosso Suntech? E poi non è vero che in Italia c'è bisogno di nuove infrastrutture,i consumi di gas sono in discesa da 7 anni e non si prevede una risalita causa aumento incontrollato delle rinnovabili. Bellanova...dignità zero...vai a studiare

  • Avatar anonimo di Giuseppe
    Giuseppe

    Logico pensare che con l'arrivo delle elezioni è meglio rispettare l'ambiente. Finalmente ammettete che San Foca sarebbe distrutta dall'arrivo di tubazioni di gas. L'ideale secondo me è Cerano,

    • Non credere: dentro a questo forum c'è tanta gente che ti vota solo se butti asfalto e cemento dappertutto. L'ambientalismo in Italia non è ancora un tema "maggioritario".....

  • La costa adriatica in Italia è un continuum di costruito: città, porti, aree industriali. Chi prende il treno per Milano sa che dalla Puglia all'Emilia, questa urbanizzazione si interrompe solo sul Gargano e al Conero (a parte il Salento). E allora che necessità c'è di sventrare una caletta quando ci sono centinaia di posti migliori per accogliere quell'infrastruttura?

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Uccide la moglie e poi si toglie la vita: la tragedia nel centro di Zurigo

  • Cronaca

    Controlli a raffica, nel Salento oltre 1 milione di pezzi sequestrati

  • Politica

    Nuovo strappo di Quintana. “In maggioranza troppa arroganza. Via dalle commissioni”

  • Economia

    Cresce il numero delle aziende in provincia di Lecce. Favorito il settore agricolo

I più letti della settimana

  • Macabra scoperta: ragazzino di 15 anni trovato senza vita nel letto dei genitori

  • Sgominata banda dei furti: tra gli otto arrestati anche il custode del depuratore di Taviano

  • Uccide la moglie e poi si toglie la vita: la tragedia nel centro di Zurigo

  • Scandalo del gasolio non raffinato: arrivano i primi risarcimenti

  • “Da Totò” spegne l’ultimo fornello. La città piange la morte lo storico ristoratore

  • Chiuso il cerchio sullo spaccio nelle Giravolte: in tre finiscono nei guai

Torna su
LeccePrima è in caricamento