Borgo San Nicola, ok dal Consiglio: arriva il metano

Approvata oggi la delibera sui lavori nel rione periferico, per la messa in posa di quasi 6mila metri di tubature che portaranno il gas in 27 vie. Perrone: "Intervento importante per tante famiglie"

palazzo carafa_14-2
Il metano arriverà a Borgo San Nicola. Il Consiglio comunale, a seguito dell'approvazione già giunta dai banchi della commissione Lavori pubblici, ha infatti approvato oggi l'atto di delibera sull'integrazione alla convenzione tra Comune di Lecce e la società concessionaria di Enel rete gas S.p.a. (Camuzzi-Gazometri S.p.a.) per la realizzazione dell'ampliamento della rete di distribuzione del gas metano nel rione alla periferia della città.

L'Enel, concessionaria esclusiva del servizio di distribuzione del gas, realizzerà l'opera a proprie cure e spese entro un anno dall'avvio dei lavori, che riguarderanno la messa in posa si 5mila 865 metri di tubazione lungo le vie Adriatica, Aniene, Carella, Cecina, D'Azeglio, Esino, Fortore, Fortunato, Isarco, Mentone, Metauro, Oglio, Ombrone, Panaro, Reno, Rubicone, Sacco, Salso, San Nicola, Sandalo, Sangro, Secchia, Tanaro, Taro, Ticino, Trebbia e Velino.

"Il varo della delibera con l'integrazione della convenzione completa l'iter burocratico ci consente di rassicurare definitivamente tantissime famiglie di Borgo San Nicola, in attesa da anni del completamento della rete del gas metano". Questo il commento del vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici Paolo Perrone. "Un intervento assolutamente imprescindibile anche perché oggi è inconcepibile il ricorso a combustibili alternativi, difficoltoso oltre che costoso. Credo che questa - conclude - possa essere definita, a giusta ragione, attenzione e considerazione per le periferie".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

  • Carabiniere ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: “Mi sentivo sobrio”

Torna su
LeccePrima è in caricamento