Contro la mafia, per la piccola Angelica: una via in tutti i comuni del Salento

La proposta è del vice sindaco di Lecce, Alessandro Delli Noci. Pochi giorni addietro la Corte di Cassazione ha respinto il ricorso di uno degli autori materiali

Il vice sindaco di Lecce, Alessandro Delli Noci.

LECCE – Una via in ogni comune della provincia di Lecce, nel ricordo della piccola Angelica Pirtoli, uccisa nel marzo del 1991 a solo due anni insieme alla madre Paola Rizzello, che ne aveva 27. La proposta è stata lanciata oggi dal vice sindaco del capoluogo salentino, Alessandro Delli Noci.

Per quell’efferato fatto di sangue la Cassazione ha confermato la condanna all’ergastolo di Biagio Toma, il 51enne di Parabita ritenuto uno degli autori materiali. Per l’esponente della giunta leccese quella sentenza, insieme allo scioglimento per infiltrazioni mafiose dell’ennesimo comune in Puglia – questa volta Cerignola – “ci ricorda ancora una volta la necessità di combattere il sistema mafioso e di farlo anche attraverso la memoria, il ricordo e l’impegno, raccontando ai nostri giovani cosa è la mafia perché questi gli neghino il consenso. Per questo motivo, invito tutti gli amministratori della nostra provincia a ricordare Angelica nei loro paesi, intitolando a lei e alla sua triste storia una via, riportando al centro della ‘piazza’ e dunque del dibattito pubblico la sua vicenda. Perché quel ricordo, quella targa sia da monito ogni giorno e ogni giorno si traduca in responsabilità e impegno”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Comune di Lecce ha già deliberato l’autorizzazione per la commissione toponomastica: si tratta ora di individuare la strada. La proposta è stata condivisa dal presidente della Provincia, Stefano Minerva: “Quella della lotta alla mafia e, più in generale, tutte le battaglie per la legalità, è una buona pratica che tutte le istituzioni dovrebbero portare avanti. Bene dunque l'esempio di Alessandro. Impegniamoci tutti nei nostri comuni d'appartenenza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Salvato in extremis dal suicidio, in mano un biglietto d'addio incompiuto

  • Estorsione ai bar e riciclaggio: oltre all'ex senatore, in manette militare salentino

  • Fra serra e casa una piccola fabbrica della marijuana: arrestato

  • Notte di fuoco: distrutte quattro auto e danni a negozi. Immortalato un uomo

  • Arrivi da fuori regione: 20mila entro domenica, uno su tre dalla Lombardia

  • Spaccio di stupefacenti, armi e rapine, in 23 davanti al giudice

Torna su
LeccePrima è in caricamento