Pacifico e senza simboli. Il presidio leccese respinge le inflitrazioni

In presidio sulla rotatoria alle porte della strada statale per Brindisi, gli attivisti del coordinamento "9 dicembre 2013" distribuiscono volantini. Non ci sono blocchi e la parola d'ordine è tener fuori dalla protesta i tentativi di strumentalizzazione

Una foto del presidio.

LECCE – Apartitici, pacifici e determinati. Così si definiscono gli attivisti del Coordinamento nazionale  “9 dicembre 2013” – di cui il Movimento dei forconi è solo una componente - che sono in presidio nel bel mezzo della rotatoria all’ingresso della città, in direzione Brindisi. Con regolare autorizzazione fino al 20 dicembre (anche se la questura precisa che questa riguarda solo la possibilità di presidiare l'area dell'ex Carlo Pranzo, Ndr), mentre attendono notizie di centri caldi della protesta, Roma soprattutto, distribuiscono volantini agli automobilisti. Il traffico viene solo rallentato, giusto il tempo di aprire il finestrino. Diversi camionisti strombazzano a mo’ di saluto.

In una dozzina, sotto lo sguardo discreto di un paio di agenti di polizia, provano a far conoscere ai leccesi le ragioni di una protesta che definiscono spontanea, ma che sanno essere soggetta a pericolose infiltrazioni e degenerazioni. Sul sito ufficiale del coordinamento si legge oggi che Roberto Fiore, leader della formazione neofascista di Forza Nuova “non conta nulla e non conterà nulla all’interno del coordinamento e verrà solo allontanato come già è stato fatto” e che non c’è alcuna intenzione di un incontro con Silvio Berlusconi.

Silvia, 35 anni, di Torre San Giovanni, racconta di aver sempre esercitato il suo diritto di voto,  di averlo fatto in più direzioni, passando anche per una simpatia per i “cinque stelle” tramontata quando il movimento le ha dato la netta impressione di istituzionalizzarsi, di adeguarsi al sistema che diceva di voler rovesciare. La delegittimazione della classe politica, agli occhi di queste persone, è totale e non ammette distinzioni. A parte un tricolore piuttosto malmesso, non ci sono simboli che possano suggerire la prossimità ad una qualche ideologia.

Netta è anche la presa di distanza dai sindacati e dalle forme di rappresentanza tradizionalmente intese. La piattaforma programmatica che si evince dal volantino ha una matrice no global, ma con una chiave di lettura nazionalistica: si parla di “distruzione dell’identità di un paese”, del “lavoro degli italiani”. Contro “questo modello di Europa” – e dunque si presuppone non contro l’idea di un’Europa politica – e per il “rispetto della Costituzione”, con riferimento soprattutto al primo articolo: “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione”.

E’ chiara, nel presidio alle porte di Lecce, l’estrazione popolare dei suo componenti. Precari e disoccupati, vittime di quel processo di marginalizzazione economica e sociale che ha travolto spezzoni importanti della società italiana, fino ad arrivare allo scenario a tinte fosche incardinato nei dati contenuti nel rapporto Eurostat: dal 2008 al 2012 gli italiani a rischio povertà o esclusione sociale sono passati da uno su quattro a quasi uno su tre.

E forse è proprio da questa platea che sono emersi gesti di solidarietà ai manifestanti: chi ha portato acqua, chi bevande calde, chi una semplice parola di solidarietà. Almeno a  Lecce la dissociazione da ogni forma di violenza è netta. Anzi, si coglie l’occasione per porgere le scuse a tutti quei cittadini che nel prolungato blocco stradale di lunedì mattina hanno avuto disagi pesanti.

a 004-13Da altre parti d’Italia giungono invece, documentate, notizie di interruzione della circolazione ferroviaria – come in queste ore sulla linea adriatica, nella stazione di Bisceglie – o di blitz nei negozi e nei centri commerciali per indurre gli esercenti ad una sorta di serrata solidale: a Savona, dove oggi è in corso una delle tante manifestazioni, sarebbe stato minacciato un rogo se il titolare di una libreria non avesse abbassato la saracinesca. Un esempio scelto per dire quanto in basso possano arrivare certe pulsioni ribellistiche. Dalle strade si ha poi notizia di intimidazioni a camionisti che non hanno aderito alla protesta.

E’ abbastanza chiaro, in generale, che su questa galassia di malcontento, reale e legittimo, qualche vecchia volpe dell’eversione sta cercando di metterci le mani, per orientarne gli esiti a proprio piacimento. Poi ci sono alcuni gruppi isolati di studenti che, in preda all’esaltazione, un po’ come accadeva quando era di moda occupare, si atteggiano a fare “cose da grandi” o si lasciano imbeccare da abili predicatori. Le forze dell’ordine hanno iniziato a prendere provvedimenti davanti a una marea così fluttuante e composita. Tredici persone, tutte di Andria e alcune della quali con precedenti, sono state identificate e ora sono indagate per i pestaggi avvenuti ai danni di negozianti i quali, però, si sono rifiutati di sporgere denuncia. Il ministero dell’Interno ha avuto dai servizi segreti chiare indicazioni sui pericoli di infiltrazione.

La situazione al momento è fluida e i leader nazionali non si esprimono ancora sulla data precisa dell’assedio ai palazzi romani del potere. Sarà quella la prova del nove per comprendere la reale essenza del coordinamento e la padronanza che lo stesso ha sulla mobilitazione in tutte le sue articolazioni: per avere il sostegno o la benevolenza di quel popolo a cui gli attivisti vorrebbero ridare dignità è necessario separare il radicalismo delle rivendicazioni dalla violenza dei comportamenti. Altrimenti le istanze di giustizia sociale, di liberazione dal giogo dei potentati finanziari, di rinnovamento della vita democratica del Paese – condivise nella loro essenza da una parte dell’opinione pubblica che pure non si riconosce nel coordinamento - non resteranno che sui volantini.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Questo è un inizio di un cammino molto insidioso perchè ha dentro sè tutti gli ingredienti che la crisi attuale ha generato , non ci sono ne considerazioni ne risposte concrete ai disagi e l'emarginazione di intere classi sociali ormai abbandonate ai loro destini. Un sistema partitocratico che arranca e affida la sua credibbilità mistificando la realtà arrualando a sè comparti sempre più servili di informazione deviata e con chiare direttive di solo ed asclusivo protagonismo occultando le ragioni e i temi che il popolo sta vivendo e subendo sulla propria pelle è veramente demenziale è ipocrita. Continuare ad etichettare la contestazione generalizzata attribuendola ai Forconi o ai Casapaund o ai Centri sociali per cercare una paternità senza andare a vedere le cause le condizioni e le ragioni che incrementano i disagi e che hanno distrutto la dignità di intere generazioni è un continuo soffiare benzina sul fuoco, serve solo per alimentare il caus e se si conosce bene la storia tali situazioni hanno portato sempre a derive disastrose che possono mettere in seria difficoltà la democrazia e la convivenza civile e la storia si ripeterà maledettamente e con risvolti imprevedibbili.

  • Passo tutti i giorni e sono veramente persone corrette e che credono in quello che fanno; purtroppo non facendo atti delinquanziali, come tanti altri, la loro protesta passa in sordina...a costoro, SI che formula la mia solidarietà altro che ai "Marti e/o Veneri" di turno...!

Notizie di oggi

  • Attualità

    Alla partenza del primo Frecciarossa per Torino anche giovani aspiranti macchinisti

  • Incidenti stradali

    Scontro fra auto e moto sulla strada per il mare, centauro in ospedale

  • Cronaca

    Due proiettili in busta "recapitati" in giardino a un militare in congedo

  • Cronaca

    Rubano l'auto di una donna e la bruciano a pochi chilometri di distanza

I più letti della settimana

  • Sesso e regali per favori e processi: in arresto un pm, dirigenti sanitari e avvocata

  • Travolto da un’autovettura, un 62enne perde la vita davanti alla moglie

  • Ore di apprensione a Casarano: rintracciato di notte 22enne scomparso nel nulla

  • Bancarotta fraudolenta aggravata: quattro imprenditori in arresto

  • Inchiesta sesso&giustizia, Altavilla: “Triste pagina, ma indagine non è condanna”

  • "Mio padre brucia lo stipendio". Entra nel bar e sfascia le slot con una mazza

Torna su
LeccePrima è in caricamento