"Darsena ferma da un anno e mezzo e 3 milioni di euro in ballo"

Domani la X Commissione chiederà conto di quando avranno inizio i lavori a San Cataldo, ma per Rotundo già si prefigura un'altra estate di degrado. "Come parlare credibilmente di rilancio?"

La darsena di San Cataldo.

LECCE – Quali i tempi per l’appalto dei lavori della darsena di San Cataldo? Se ne parlerà domani, nella X Commissione (controllo della gestione e degli strumenti di programmazione previsti nello statuto), presieduta da Antonio Rotundo, consigliere comunale del Pd.  

Con l’estate alle porte, nelle marine di Lecce resta sempre alta l’attesa per il destino di una struttura mai decollata. “Domani in commissione avremo le informazioni relative ai tempi dell'appalto e dell'inizio dei lavori”, auspica Rotundo, che però ha anche maturato già una propria certezza: “In ogni caso, anche questa estate la darsena  continuerà a dare di sé lo spettacolo vergognoso del degrado, dell'abbandono e dell'incuria”.

“E' passato oltre un anno e mezzo da quando è stata sospesa ogni attività – ricorda -, compreso il contratto con la cooperativa che aveva l'appalto per la gestione e fatto spostare le imbarcazioni e i natanti, e a tutt'oggi i lavori non sono ancora iniziati, nonostante la stessa Giunta li abbia ritenuti ‘urgenti ed indifferibili’”.

Il problema principale è dato dall’ostruzione delle alghe. Una situazione analoga accade anche altrove, ma, ricorda Rotundo, “la Giunta con un provvedimento discriminatorio verso i pescatori di Frigole, esattamente nella stessa condizione, ha ritenuto di  indennizzare solo quelli di San Cataldo per i danni causati all'attività di pesca”. Restano poi “i danni arrecati ai diportisti, ai lavoratori della cooperativa e i danni all'immagine della marina”. E questi, si chiede Rotundo, “chi li risarcisce?”.

Il rilancio delle marine leccesi è diventato negli ultimi mesi uno dei principali argomenti di scontro sul terreno politico. Si vorrebbe finalmente realizzare una ripresa, ma molti progetti sono ancora in embrione e in ogni caso, per Rotundo, è difficile “parlare credibilmente di rilancio delle marine e di sviluppo di San Cataldo quando per il secondo anno consecutivo la darsena invasa dalle alghe è ancora totalmente inagibile e nel più assoluto degrado”. 

In ballo ci sono, peraltro, “3,3 milioni di euro messi a disposizione dalla Regione”, ma, rileva il presidente della X Commmissione, “si registrano ritardi inaccettabili per la realizzazione dei lavori di adeguamento e messa in sicurezza”. “Basti pensare che la Giunta comunale ha deliberato la sospensione di ogni  attività della darsena  sin dall'8 ottobre del 2014 con la previsione, presumibilmente entro l'anno, dell'indizione della relativa gara d'appalto, per avere piena contezza di quanto sia intollerabile il ritardo accumulato”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, estorsioni e droga: disarticolato gruppo vicino al clan Tornese

  • Rogo nel negozio per le feste: in manette ex gestore del "Twin Towers"

  • Cicloturista preso in pieno da un'auto: deceduto dopo il trasporto in ospedale

  • Cede il cric durante il cambio della ruota del tir: ferito un meccanico

  • Paura in volo: piccolo aereo sfonda il muretto di un'abitazione

  • Fermati in centro per controllo: dosi di eroina nell'auto, due in manette

Torna su
LeccePrima è in caricamento