Il "piano del fiore", primo tassello dell'innovazione urbana di Delli Noci

Il candidato di "Un'altra Lecce" e liste collegate mette a sintesi gli incontri pubblici dei mesi scorsi: "Parco botanico diffuso per la città"

Alessandro Delli Noci.

LECCE – Alessandro Delli Noci, candidato sindaco per “Un’altra Lecce” e liste collegate è pronto per restituire alla città il piano d’innovazione urbano elaborato dopo gli incontri e i confronti avviati a partire dalla campagna “Primarie delle idee”.

Il punto di partenza è la carta del verde urbano denominata Piano Urbanistico del Fiore (Puf) che sottende una programmazione strategica differenziata per essenza e per quartiere il cui obiettivo finale è un parco botanico diffuso in tutta la città.

“La qualità della vita dipende in gran parte dalla qualità dell’ambiente urbano – ha dichiarato Delli Noci - giacché il verde urbano non è un elemento puramente estetico ma un vero servizio al cittadino, legato alla salute, alla salubrità e al benessere psicofisico. Come dimostrano le classifiche nazionali sulla qualità della vita, Lecce appare alle ultime posizioni. In questi anni è mancato un piano di gestione delle aree verdi, come attesta la condizione di degrado di aree come il parco dell'ex Galateo e dell’ex Vito Fazzi o ancora la Villa Comunale, mortificata da un’eccessiva cementificazione degli spazi”.

Insomma, il Puf sarà una sorta di piano regolatore del verde, con il censimento e la manutenzione delle piante autoctone. Secondo Delli Noci potrà rappresentare “un valido fattore di competitività per l'economia della città e di qualità della vita dei cittadini”.

"Il verde ha un ruolo decorativo, ma soprattutto sociale ed ecologico – ha commentato il candidato sindaco, fino all’autunno assessore della giunta Perrone - perché assorbe gli inquinanti atmosferici, riduce i livelli di rumore, mitiga le alte temperature estive, migliora il clima urbano con la creazione di spazi educativi e ricreativi. Perché Lecce diventi una città giardino occorre ripensare una politica del verde che renda la nostra città più vivibile, attrattiva e che migliori la qualità della vita dei propri cittadini".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Non male l'idea.....

  • Ottimo delle noci! Complimenti! Una ventata di cultura finalmente!

  • Questo è l'altro campione di incomprensibilitá...il parco botanico leccese il Puf Ahahah...fino ad ora gli alberi li hanno massacrati per fare nuovi viali stringere strade...rom di e quant'altro e mo viene delli noci a fare il verde!!! Sara perche hai un cognome botanico...ma secondo mie nu tte vota ceddhri.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Posso scattarti delle foto? Ma è solo una scusa per molestarla. Arrestato

  • Cronaca

    Galleria Condò, Anas preme per terminare i lavori prima di agosto

  • Cronaca

    Rapinatore nel centro scommesse, in fuga con 3mila 500 euro

  • Cronaca

    Fermati con ordigni esplosivi modificati con chiodi, due restano in carcere

I più letti della settimana

  • Il digiuno dell'oncologo contro il gasdotto: "Chiudete il cantiere"

  • Il sindaco non si arrende: "Noi continueremo a protestare"

  • In rete il bando per diventare assessori con il M5S: solo tre nominati

  • Nardò, dimissioni per il consigliere Risi: "Troppi impegni professionali"

  • Sindaco e country manager Tap dal prefetto: tregua per sistemare i 12 ulivi

  • Nel segno della Costituzione e dei giovani la Festa della Liberazione

Torna su
LeccePrima è in caricamento