"Devi morire": macabro auspicio contro Salvemini, già vittima di minacce

Un commento alla comunicazione di una iniziativa elettorale richiama episodi che si sono verificati durante i 18 mesi di mandato alla guida della città

Il post con il commento contro Salvemini.

LECCE - Due parole, un effetto macabro. "Devi morire" è il primo commento in calce a una comunicazione odierna sul profilo pubblico del candidato della coalizione progressista e civica, Carlo Salvemini, in relazione all'iniziativa di incontri nei quartieri che si sta protraendo già da diverse settimane.

Che si tratti di una espressione semplicemente sconsiderata e ignobile, ma di cui si ignorano gli eventuali risvolti giuridici, oppure di un auspicio reso in piena consapevolezza, toccherà a chi di dovere stabilirlo. Una segnalazione sarà infatti inoltrata alla polizia postale e al gestore del social network. L'utente in questione, che in una foto nel suo profilo compare con un esponente del centrodestra, non è nuovo a interazioni di questa levatura: sotto un post del primo aprile un commento non proprio "elegante" aveva prodotto in risposta l'esortazione a moderare i toni.

L'invito, evidentemente, non è stato preso in considerazione, anzi. Tuttavia, è chiaro che i social network non possono essere una zona franca: senza ingigantire o sminuire questo e altri episodi, è doveroso il richiamo a toni almeno civili, così come la raccomandazione agli esponenti politici di ogni schieramento e a essere i primi a tenere il livello del confronto oltre l'asticella della decenza e a non favorire degenerazioni facendo leva sulla disperazione e sull'ignoranza delle leggi e dell'educazione da parte di nessuno.

Per Salvemini non si tratta certo di una novità. Nel marzo del 2018 era stato oggetto di alcuni messaggi a dir poco allusivi: uno di questi era postato sulla bacheca di Andrea Guido, consigliere di centrodestra che, una volta informato, aveva provveduto subito a rimuoverlo e a manifestare la propria solidarietà all'allora sindaco in carica. Il 31 luglio dello stesso anno è stato minacciato davanti alla sua famiglia, rischiando anche di essere aggredito. A quest'ultimo episodio ha fatto seguito una denuncia dettagliata presso la questura, ma ad oggi non risulta alcun risvolto nelle indagini.

Potrebbe interessarti

  • Sintomi, rimedi ed esercizi contro il dolore alla cervicale

  • Formiche, i metodi naturali per allontanarle da casa

  • Talenti dal Salento: una giovane ballerina ammessa alla Biennale di Venezia

  • Come avere sopracciglia folte, naturali e curate

I più letti della settimana

  • Un “Tornado” su gruppo di stampo mafioso: 27 arresti, indagato anche un sindaco

  • Ragazzo di 20 anni trovato morto con un colpo d'arma da fuoco alla tempia

  • Tragedia nel pomeriggio ad Otranto. Una donna si lancia dalle mura del castello

  • Scontro tra auto e moto: un 25enne finisce in Rianimazione

  • Dramma al mare: bagnante annega nonostante i soccorsi di un medico in spiaggia

  • Lesioni troppo gravi nello scontro in moto: non ce l’ha fatta il 25enne

Torna su
LeccePrima è in caricamento