E il treno Torino-Lecce torna sui binari. Da gennaio

Il Cipe, su proposta del Ministro Fitto, riattiva il collegamento Eurostar City Torino-Lecce, dopo le discussioni dei giorni scorsi sullo "scippo" al Salento. Palese: "Questa è la politica dei fatti"

Redazione 17 dicembre 2009
ROMA - È stato nelle scorse settimane il caso di discussione sulle pagine della cronaca locale: lo "scippo", del Torino-Lecce, visto come l'ennesimo oltraggio al Salento, trova una soluzione inattesa in queste ore. Il Cipe, ossia il comitato interministeriale per la programmazione economica, ha approvato il nuovo contratto di servizio di Trenitalia inserendo, su indicazione del Ministro per i Rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto, una prescrizione relativa al ripristino del collegamento Eurostar City Torino - Lecce la cui soppressione aveva destato preoccupazione soprattutto nelle province del Salento.

A partire da gennaio, dunque, con un'intesa che si realizzerà con Trenitalia, il servizio verrà riattivato, sanando di fatto una scelta discutibile da parte dell'azienda ferroviaria, fatta nei mesi scorsi. In merito, a questa svolta il Ministro Fitto ha manifestato la sua piena soddisfazione per la disponibilità mostrata da Trenitalia per la riattivazione di un collegamento ferroviario, ritenuto indispensabile a garantire la mobilità tra il Salento e il resto del Paese.

Soddisfatto di questa soluzione, il capogruppo Pdl alla Regione, Rocco Palese che sottolinea come "ancora una volta i fatti hanno sconfitto le chiacchiere": "Da gennaio, grazie all'impegno del ministro Fitto, Trenitalia ripristina l'Eurostar Lecce Torino soppresso qualche giorno fa con l'entrata in vigore dell'orario invernale. Una penalizzazione ingiusta per il Salento e per la Puglia che avevamo stigmatizzato anche con l'approvazione unanime di uno specifico ordine del giorno in Consiglio Regionale la settimana scorsa. Ma la Giunta Vendola non ha alzato un dito; la sinistra pugliese è troppo impegnata a farsi guerra all'interno per occuparsi dei problemi reali dei cittadini".

"Quindi - prosegue - ci ha pensato il Governo nazionale. Stamattina il Cipe doveva approvare il nuovo contratto di servizi di Trenitalia e, quindi, stanziare i finanziamenti statali e, su segnalazione del ministro Fitto, nel contratto è stata aggiunta la prescrizione per Trenitalia di ripristinare l'Eurostar Lecce- Torino che quindi tornerà in servizio a gennaio con applicazione del nuovo contratto approvato oggi dal Cipe. Per fortuna, quindi, Fitto è riuscito a fare in modo che i tanti disagi delle popolazioni del Salento e dell'intera Puglia, durassero solo qualche giorno. È la differenza tra la politica delle inutili polemiche e la politica dei fatti".

Annuncio promozionale

Si chiude così, in sostanza, una vicenda controversa, dove i diversi attori in campo avevano dimostrato confusione ed ambiguità: a partire dall'atteggiamento di Trenitalia verso quella tratta, che oggi si riscopre "indispensabile", e dopo che per lunghi mesi l'azienda aveva puntualmente smentito i tagli ai treni del sud, salvo poi effettuarli; per finire ai politici, che spesso e volentieri, si sono dimostrati tardivi nel recepire certe situazioni. Oggi, la buona notizia, che non cancella comunque i disagi che fino a gennaio, gli utenti leccesi incontreranno.

Commenti