San Cesario, Idv e Pd ai ferri corti. È rottura sugli accordi elettorali

Il partito dei dipietristi lamenta scorrettezze e delegittimazioni nei propri confronti da parte del Pd. D'Agata, in accordo col segretario di circolo Raganato, decide di non sostenere la lista "Partecipazione e Rinnovamento"

SAN CESARIO DI LECCE – La rottura è servita, a San Cesario, dopo che già in altre realtà erano emerse delle divergenze tra l’Idv provinciale e i partiti del centrosinistra, nell’individuazione del percorso delle candidature. Il colpo di scena forse non è tale, ma rende l’idea di come il partito dei dipietristi viva una fase di transizione e di ridefinizione dei patti con gli storici alleati del centrosinistra.

Il “caso” di San Cesario vede l’intervento diretto del coordinatore provinciale di Idv, Francesco D’Agata, che esprime la più totale disapprovazione per quella che definisce “l’azione di bassa lega dell’ultima ora compiuta nella definizione della lista Insieme – Partecipazione e Rinnovamento”, che sostiene il candidato sindaco Andrea Romano.

L’Idv lamenta come, pur essendo stato tra i promotori, attraverso il segretario cittadino Pino Raganato, per il rilancio attivo del centrosinistra, abbia invece subito atteggiamenti sleali da parte del Pd locale: “Perciò, unitamente a Pino Raganato e ai militanti sancescesariani – afferma D’Agata -, l’Idv prende ufficialmente le distanze dall’atteggiamento egoistico tenuto da alcuni responsabili del citato movimento cittadino appartenenti al Pd locale, che, nonostante la grande fiducia accordata nel progetto di rinnovamento e rilancio dell’azione del centrosinistra locale, hanno cancellato con un colpo di spugna i patti siglati, per un mero disegno elettorale”.

“Sono queste le ragioni – spiega - che c’impongo ad interrompere il percorso avviato mesi fa e a dichiarare il ritiro dal sostengo alla lista ‘Insieme – Partecipazione e Rinnovamento’ per la totale assenza di lealtà dimostrata lesiva della dignità politica che contraddistingue l’Idv ed il proprio elettorato”.

Per questo motivo, D’Agata annuncia che l'impegno di Pino Raganato e della segreteria provinciale e cittadina continuerà “nonostante tale tentativo di delegittimazione, per continuare a dare voce al crescente elettorato dell’Idv e per ricostruire una coalizione di centrosinistra autentica, nella quale tutte le componenti siano leali, con il solo scopo di favorire la realizzazione del Bene comune e non meri fini individualistici”.

Salvatore Capone: "Posizione che ci lascia molto rammaricati"

in serata, arriva la replica di Salvatore Capone, segretario provinciale del Pd, alle dichiarazioni di D'Agata: "La posizione assunta dall'Italia dei Valori rispetto alle amministrative di San Cesario non può che lasciarci estremamente rammaricati. La collaborazione con l'Idv è sempre stata talmente stretta e ricca di soddisfazioni comuni che non può essere una postazione in lista ad inficiarla".

"Siamo convinti che ci siano tempi e modi per riprendere questa collaborazione - prosegue Capone -, affinché la qualità del nostro progetto per San Cesario possa tornare ad arricchirsi anche dell'autorevole contributo dell'Italia dei Valori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tentato omicidio in una masseria: colpito alla bocca un operaio 27enne

  • Travolge grosso cane che attraversa la via e finisce su un muro: grave 21enne

  • Precipita dalle mura del centro di Gallipoli: un 30enne in gravi condizioni

  • Quell'auto sospetta agganciata più volte. Ed è una sfida ad alta velocità

  • Eroina, cocaina e marijuana: tre arresti, segnalati i due acquirenti

  • Breve temporale, ma il fulmine si abbatte sulla casa: impianto elettrico fuori uso

Torna su
LeccePrima è in caricamento