Elezioni comunali, nel centrosinistra una proposta per Salvatore Sangiorgi

È il maggiore di tre fratelli: il più giovane è Giuliano, leader dei Negramaro. Con Luigi, il secondo, condivide la professione e la passione per la politica

Salvatore Sangiorgi.

LECCE – Salvatore Maria Sangiorgi è il maggiore di tre fratelli. Il secondo è Luigi, l'ultimo Giuliano: i primi due svolgono la professione di avvocato, il terzo si è costruito passo a passo una gran carriera da musicista alla testa dei Negramaro.

I più grandi, però, hanno coltivato anche un interesse, discreto ma tenace, per la politica: Luigi, per le elezioni comunali del 2017 a Lecce, si è candidato come consigliere comunale nella lista la Puglia in più, a sostegno di Carlo Salvemini. Salvatore, invece, dovrebbe concorrere alla carica di sindaco a Copertino che è l’unico comune oltre i 15mila abitanti tra quelli chiamati al voto nella prossima primavera, oltre al capoluogo dove si torna alle urne dopo lo scioglimento anticipato del consiglio comunale.

In una nota congiunta Copertino Bene Comune, Copertino Democratica, Movimento per Copertino, Solidarietà e Lavoro e Udc hanno chiesto al diretto interessato, che si occupa di diritto amministrativo, di valutare l’ipotesi della candidatura: “Siamo convinti che Salvatore sia capace di incarnare le nostre sensibilità di centro-sinistra, garantendo e favorendo la partecipazione attiva del popolo, non parlando alla sua pancia, ma rivolgendosi alla sua testa e, soprattutto, al suo cuore. Nello stesso tempo, chiediamo alle altre forze politiche di centro-sinistra, ai movimenti e associazioni culturali di confrontarsi con responsabilità sul futuro della città con sguardo lucido e sereno e senza pregiudizi, cogliendo le motivazioni di fondo e lo spirito di unità che hanno sin qui animato il nostro operato”. Le condizioni perché Sangiorgi accetti sembrano esserci.

Copertino si conferma luogo di grande vivacità dal punto di vista politico. Sono già state annunciate, infatti, le candidature di Vincenzo De Giorgi e di Ferdinando Valentino: il primo è il vice presidente del consiglio comunale ed già stato in corsa nel 2014: in quella tornata ottenne poco meno del 20 per cento a capo di una coalizione con Alleanza Nazionale e alcune civiche e rimase escluso dal ballottaggio poi vinto da Sandrina Schito. Oggi De Giorgi è espressione di un’area che comprende anche gruppi vicini al governatore Michele Emiliano. Il secondo è un medico specialista in ematologia e avrà il sostegno di quello che si definisce un “ampio fronte civico” ma che è certamente orientato verso il centrodestra.

La scelta di Sangiorgi come candidato di una coalizione di segno progressista, spiegano i sottoscrittori dell’appello nasce dalla ricerca di una “una via nuova per Copertino, in grado di scuotere le forze politiche e di farle uscire dall’autoreferenzialità che ha generato negli ultimi anni divisioni, personalismi e mancanza di una progettualità di lungo respiro. Pensiamo che sia arrivato il tempo di investire su persone che si siano distinte nei loro ambiti lavorativi, che abbiano competenze gestionali e amministrative e che siano in grado di portare tutte le realtà di Copertino a relazionarsi con quelle esterne, dando loro la possibilità di confrontarsi e crescere”.

Certa è anche la candidatura di un esponente del M5S, ma è praticamente fatta anche per quella del già sindaco Giuseppe Rosafio (eletto nel 2009 con il centrodestra). Per quanto riguarda Sandrina Schito, il sindaco uscente attende la fine della consiliatura per sciogliere le riserve e decidere si ricandidarsi o meno: nel caso lo facesse, l'area progressista della città si dividerebbe, con l'ulteriore incognita del Pd che per il momento sarebbe favorevole all'opzione delle primarie per scegliere il miglior candidato di tutto il centrosinistra. Alla fine dei conti le opzioni per gli elettori copertinesi al primo turno potrebbero essere più che nel 2014 quando ai nastri di partenza si presentarono in cinque.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Una 15enne: “Lo zio mi ha molestata per sette anni”. Via all’inchiesta

  • settimana

    Nuova irruzione in banca in pieno giorno: caccia ai rapinatori

  • Attualità

    Si urla al complotto per un photored, ma sulle regole poi ci si autoassolve

  • Cronaca

    Farmaci scaduti al “Vito Fazzi”, convalida del sequestro. Due indagati

I più letti della settimana

  • Paletta, ma non sono agenti: rapinato in strada della sua Bmw

  • Si scaglia contro il rapinatore e lo fa arrestare: da lunedì avrà un contratto nel market

  • Fascette per legargli zampe e collo, un cane chiuso nel sacco e gettato nel canale

  • Impatto devastante all'incrocio di notte: due feriti e auto distrutte

  • Giallo Martucci, rivelazioni delle sorelle. “L’assassino lo abbiamo tra le mani, andate a prenderlo”

  • S'imbatte nella Classe A, riconosce i truffatori e li fa prendere dalla polizia

Torna su
LeccePrima è in caricamento